Fincantieri, dopo il boom scattano vendite sul titolo in borsa

A
A
A
di Luca Spoldi 11 Luglio 2018 | 13:23

Fincantieri tira il fiato a Milano

Fincantieri in ritirata a Piazza Affari, dopo il +7,3% segnato alla vigilia, con gli investitori focalizzati sia sulla gara da 20 miliardi di dollari FFG(X) indetta dalla Us Navy sia sul piano industriale da presentare al governo per l’alleanza con Naval Group (che dovrebbe prevedere uno scambio incrociato di partecipazioni non superiori al 10%), fortemente voluta dal presidente francese Emmanuel Macron come contropartita al via libera all’acquisto del 50+1% di Stx France, il cui closing definitivo è atteso a giorni.

Attesa per alleanza francese e gara statunitense

A metà giornata il titolo Fincantieri cede infatti i 3,5% tornando a 1,129 euro per azione, contro gli 1,17 euro della vigilia (e dopo aver toccato brevemente un massimo di 1,179 euro in apertura), con oltre 9,5 milioni di pezzi già passati di mano. A pesare sul titolo è anche il rischio di ulteriori dazi americani nei confronti della Cina per 200 miliardi di dollari che scatterebbero a fine agosto e che fanno temere possibili favoritismi verso le aziende statunitensi nella gara della Us Navy per le sue nuove fregate missilistiche multi missione.

Rialzo a doppia cifra nell’ultimo anno

Lo storno odierno se non si ridimensionerà entro fine giornata rischia di ridurre sensibilmente i guadagni messi a segno nell’ultima settimana (+4,2%) da Fincantieri, che comunque manterrebbe un rialzo di poco inferiore al 15% su base annua. Gli analisti appaiono moderatamente positivi sul titolo: su sei giudizi emessi tre sono “hold” (mantenere), uno “buy” (acquistare), uno “outperform” (farà meglio del mercato) e uno “underperform” (farà peggio del mercato), mentre nessuno consiglia di vendere il titolo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, primo accordo tra Unione Europea e Stati Uniti

Settore lusso, nuove minacce di dazi dagli Usa

La tregua Usa-Cina spinge l’import-export di Pechino ancor prima della firma

NEWSLETTER
Iscriviti
X