In attesa del successore di Marchionne, Fca avvia scorporo Magneti Marelli

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Luglio 2018 | 14:12

Fca, chi arriverà dopo Marchionne?

Colao (Vittorio) come Ronaldo (Cristiano)? L’indiscrezione ha preso a circolare, rilanciata dal solitamente ben informato sito di gossip Dagospia, ma per ora resta “inverosimile”, tanto più dopo la secca smentita da parte di un portavoce di Fca che ha “destituito di ogni fondamento” la voce, ribadendo come sia previsto che “l’avvicendamento avvenga a tempo debito, con una soluzione interna”.

Meno di 10 mesi al passaggio di consegne

Proprio i tempi iniziano però a destare qualche preoccupazione, visto che Marchionne, che di recente si sarebbe sottoposto a un’operazione alla spalla, tanto che il sito Lettera43 ipotizza che possa non prendere parte alla conference call sui risultati del secondo trimestre, dovrebbe lasciare nell’aprile del prossimo anno con l’assemblea di bilancio. Nonostante manchino dunque meno di 10 mesi, il mistero sul nome del successore di Marchionne resta fitto.

Magneti Marelli, avviato iter per scorporo

Intanto non rallenta l’agenda fissata dal manager come completamento dei suoi impegni al vertice di Fca, col via libera al processo che porterà allo scorporo delle attività di Magneti Marelli, destinate successivamente ad essere quotate sul Mta attraverso una newco di diritto olandese. Exor dovrebbe comunque mantenere il controllo di Magneti Marelli post spin-off per assicurare la continuità dei piani di sviluppo aziendale, sebbene Marchionne non abbia escluso una possibile vendita nel caso di un’offerta congrua (come avvenuto, ad esempio, per Ntv-Italo). Magneti Marelli sarà dunque l’ultimo dossier di Marchionne o il primo del suo successore?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fca incerta a Piazza Affari, novità per impianti italiani

Dieselgate: Berlino prova a lasciarsi alle spalle lo scandalo

Fiat Chrysler Automobiles: 5 miliardi per Magneti Marelli sono pochi

NEWSLETTER
Iscriviti
X