State Street, la forte domanda fa correre commissioni e utile netto

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Luglio 2018 | 10:39

State Street centra le attese di Wall Street

State Street Corporation ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con utili per azione in crescita del 23% su base annua a 1,88 dollari ed un Roe del 14,7%, in crescita del 2,1% rispetto al secondo trimestre del 2017. Soddisfatta Wall Street, dove il titolo ha chiuso la seduta in rialzo dello 0,84% dopo la diffusione dei dati.

Salgono utili e ricavi, previsti maggiori risparmi

In crescita dell’8% (3 miliardi di dollari) su base annua anche i ricavi, mentre la riorganizzazione di State Street genera 77 milioni di dollari di oneri straordinari (0,17 dollari per azione) ma consentirà di ridurre i costi operativi di 200 milioni nell’intero 2018, dato in crescita rispetto alla precedente previsione di 150 milioni.

Hooley soddisfatto dell’andamento del business

I risultati ottenuti piacciono al presidente e Ceo Joseph L. Hooley, che nota come i risultati del secondo trimestre e del 2018 da inizio anno riflettano “la forza in tutti i nostri settori di attività di asset management e gestione patrimoniale, nonché il beneficio di un più elevato margine d’interessi netto”.

La forte domanda fa correre le commissioni

Secondo Hooley è importante sottolineare che la crescita dell’utile per azione da inizio anno è stata del 30% rispetto al primo semestre del 2017, grazie in particolare a un aumento del 6% e del 20% rispettivamente delle commissioni di servizio e delle commissioni di gestione” e come la domanda rimanga forte in tutta la base clienti globale di State Street.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

StateStreet, gli investitori chiedono un rinnovamento ai vertici

NEWSLETTER
Iscriviti
X