Guerra commerciale evitata tra Usa e Ue, titoli automobilistici a tutto gas

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Luglio 2018 | 11:21

Usa e Ue trovano accordo commerciale

Accordo a sorpresa, ma non troppo, tra Usa ed Europa al termine dell’incontro di ieri a Washington tra Donald Trump e il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, che trovano il modo per evitare una guerra commerciale tra le due sponde dell’Atlantico. “È un grande giorno” hanno commentato Trump e Juncker, aggiungendo che d’ora in avanti si lavorerà per arrivare al vero obiettivo del presidente Usa, “zero tariffe, zero barriere commerciali non tariffarie e zero sussidi sui beni industriali che non siano le automobili”.

Obiettivo zero dazi e zero barriere

I negoziati “sono appena partiti, ma ora sappiamo bene dove stiamo andando”: l’accordo porterà infatti gli Usa a rivedere (eliminandoli) i dazi su acciaio e alluminio imposti pochi mesi fa anche sui prodotti europei; in cambio, la Ue si è impegnata ad acquistare più soia e più gas naturale liquefatto americano. La risposta dei mercati oggi, dopo che già ieri Wall Street aveva chiuso in rialzo anticipando l’annuncio, giunto a mercati chiusi, è positiva.

Titoli dell’auto trainano rimbalzo dei mercati

Se Piazza Affari vede il Ftse Mib guadagnare lo 0,75%, a Parigi il Cac40 segna +0,62%, mentre Francoforte (dove Volkswagen, Bmw e Daimler erano da tempo sotto pressione ed oggi guidano i recuperi) segna +1,33%. Bene anche Madrid (+0,56%) e l’indice Eurostoxx50 (+0,64%) mentre Londra per ora resta al palo (Ftse 100 a -0,01%). Tra i titoli in Italia rimbalza con decisione Fiat Chrysler Automobiles (+4% a 14,55 euro per azione) dopo il -15,5% con cui si è chiusa la seduta di ieri, complice il profit warning seguito a una trimestrale peggiore delle attese.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, primo accordo tra Unione Europea e Stati Uniti

Settore lusso, nuove minacce di dazi dagli Usa

La tregua Usa-Cina spinge l’import-export di Pechino ancor prima della firma

NEWSLETTER
Iscriviti
X