Tcw: seconda metà 2018 porterà maggiori rischi per mercato obbligazionario

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Luglio 2018 | 12:44

La curva dei tassi Usa si sta appiattendo

L’azione della Federal Reserve e della Bce è solo all’inizio: lo segnala Tyler Tucci, Vice President Fixed Income e responsabile per la valutazione delle politiche monetarie globali di Tcw notando come nel corso delle ultime settimane, i rendimenti dei Treasury decennali Usa siano rimasti sostanzialmente invariati, mentre la parte breve della curva statunitense ha continuato a registrare un “selloff”, incoraggiato dall’atteggiamento restrittivo della Fed. Questa debolezza, nota l’esperto, ha provocato un restringimento dello spread tra i titoli a 2 e 10 anni fino a 31,5 punti base, sui minimi da un decennio. Allo stesso modo, il differenziale tra i titoli a 5 e 30 anni ha chiuso il mese di giugno a 25 punti base, anche in questo caso sul livello più basso da una decade.

Fed conferma: otto rialzi dei tassi entro il 2020

Dal Fomc di giugno è emerso un messaggio ottimistico e orientato al restringimento monetario, che ha evidenziato un grado elevato di soddisfazione nei confronti del contesto economico e del ritmo di normalizzazione della politica monetaria. Il comitato ha preso atto del continuo calo del tasso di disoccupazione, così come dell’aumento della spesa delle famiglie. Di conseguenza, il Fomc ha dichiarato di aspettarsi ulteriori “aumenti” graduali, coerenti con un’espansione costante, un mercato del lavoro “solido” e un’inflazione prossima al target simmetrico della Fed del 2%. Nel complesso, la Fed si aspetta ancora un totale di otto rialzi dei tassi fino al 2020 e, in particolare, 4 aumenti nel 2018, 3 nel 2019 e 1 nel 2020.

Bce, tra fine QE e rialzo tassi passeranno 6-9 mesi

Dall’altra parte dell’Atlantico, la Banca centrale europea ha deciso di non rimandare ulteriormente la propria decisione sul QE, annunciando un tapering breve di tre mesi che porterà a chiudere il programma di acquisto asset a dicembre. La riduzione degli acquisti mensili della portata di 15 miliardi di euro coinciderà con i quasi 12 miliardi di euro di reinvestimenti del QE previsti per lo stesso mese. L’annuncio non ha provocato particolari reazioni di mercato, a differenza del messaggio lanciato dal presidente Draghi sui tassi, che ha dichiarato di non aspettarsi cambiamenti nei tassi almeno fino all’estate 2019. “Non si tratta affatto di una promessa circa un aumento del tasso sui depositi da qui a un anno”, piuttosto è stata un’indicazione sul fatto che tra la fine del QE e il primo aumento del costo del denaro intercorrerà un gap di 6-9 mesi, sottolinea Tucci.

Tcw: prestate attenzione ai mercati emergenti

Secondo l’esperto di Tcw “questo periodo sarà ragionevolmente lungo per valutare la performance dell’economia e decidere se un inasprimento monetario sarà appropriato o meno”. L’attenzione ora si focalizzerà sul capire se Draghi riuscirà o meno ad attuare un aumento dei tassi prima di lasciare l’incarico. Nel frattempo, le politiche monetarie dei policymaker delle economie avanzate continuano a rappresentare una fonte di sgomento per i mercati emergenti, dato che quando la parte breve della curva inizia a salire nelle economie avanzare, i capitali in dollari diventano più scarsi e più costosi, e il costo del debito aumenta per i debitori emergenti aumenta.

Secondo semestre 2018 con più eventi “rischiosi”

Inoltre, i movimenti a livello di mercati dei tassi locali potrebbero essere stati esacerbati dalla mancanza di politiche monetarie credibili, per affrontare l’inasprimento delle condizioni di liquidità a livello globale e il deprezzamento delle valute locali. La prima metà dell’anno, conclude l’esperto di Tcw, “tutto sommato è risultata in linea a quanto atteso dal consenso. Tuttavia, le aspettative per la seconda metà del 2018 sono meno unilaterali, in quanto gli operatori di mercato stanno iniziando a schierarsi in base ai diversi risultati attesi per la serie di eventi rischiosi in calendario per il semestre rimanente”. In questo scenario, in cui c’è spazio per un’ampia varietà, ci sarà un numero di catalizzatori sufficiente a far uscire i Treasury dalla stagnazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: fin che la barca va…

Bce: tassi invariati ma ridotto il ritmo del Pepp

Criptovalute, Lagarde: “Sull’Euro digitale due anni per decidere”

NEWSLETTER
Iscriviti
X