Unicredit fa contenti analisti e gestori, Mustier non esclude acquisizioni future

A
A
A
di Luca Spoldi 7 Agosto 2018 | 14:57

Unicredit corre, analisti promuovono conti

Unicredit in gran spolvero a Piazza Affari, dopo l’annuncio dei dati del secondo trimestre dell’anno, apparsi superiori alle attese del mercato. L’istituto guidato da Jean-Paul Mustier, il cui titolo segna +3,55% a metà giornata risalendo a 14,89 euro per azione con quasi 12 milioni di pezzi già passati di mano, ha presentato “forti trend operativi” come notano gli analisti di Keefe, Bruyette & Woods, con risultati “di buona qualità” per Equita Sim.

Rallenta attività di intermediazione

In particolare Unicredit ha chiuso il periodo aprile-giugno con un utile netto di 1 miliardo, in calo del 13,3% rispetto al secondo trimestre 2017 rettificato, ma sopra il consensus (975 milioni), a fronte di ricavi totali in calo a 4,9 miliardi di euro (-4,3% su base annua) a causa in particolare di minori ricavi dall’attività di negoziazione e del rilascio positivo per 90 milioni di un accantonamento fiscale nel margine di interesse nel secondo trimestre 2017.

In ripresa il margine di interessi

Il margine di interessi sale invece a 2,7 miliardi, l’1,6% in più rispetto a una nno prima, mentre le commissioni che scendono di 0,3% a 1,7 miliardi. Gli impieghi salgono di 9 miliardi nel “group core”, mentre le vendite nette di asset under management sono pari a 3,2 miliardi. La riduzione di filiali e personale prosegue ed è anzi in anticipo rispetto al piano e consente ai costi di ridursi del 7,0% a 2,7 miliardi.

Migliora ancora qualità credito

Sul fronte della qualità del credito, il rapporto tra crediti deteriorati lordi e impieghi cala ad 8,7% da 9,5% di fine marzo con una copertura del 60,9% (dal 60,3%). Le sofferenze in particolare sono coperte al 73,5% (dal 70%), le inadempienze probabili al 45,1% (dal 44,1%). Le esposizioni lorde “non core” calano a 22,2 miliardi, con un target fissato per fine 2018 a 19 miliardi a fronte di cessioni per altri 2 miliardi previste entro fine anno. In compenso l’effetto-spread si è riverberato sul Cet1 ratio, calato dello 0,56% al 12,51%, per lo 0,30% a causa proprio dell’ampliarsi dello spread Btp-Bund.

Mustier fiducioso su obiettivi, non esclude future acquisizioni

Jean Pierre Mustier, che non ha escluso una crescita tramite fusioni e acquisizioni (ma difficilmente saranno transnazionali, fa capire il manager in conference call) nel prossimo piano che verrà presentato entro la fine del prossimo anno, ha comunque confermato che l’istituto è in grado di raggiungere tutti i target 2018 e 2019, se lo spread si manterrà sugli attuali livelli. In particolare il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è confermato tra il 12,3% e il 12,6% a fine 2018 e sopra il 12,5% a fine 2019, agli attuali livelli di spread sui Btp, si legge in una nota della banca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit-Mps, l’apertura di Padoan: “Ipotesi sarà valutata”. E Rocca Salimbeni vola in Borsa

Unicredit, Mustier rinuncia alla buonuscita

Unicredit, da Valeri a Ermotti e Barrese. I nomi per il dopo Mustier

NEWSLETTER
Iscriviti
X