Le small cal Usa piacciono agli esperti di Spdr Etfs

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Settembre 2018 | 15:31

Spdr Etfs positiva su small cap Usa

Da inizio anno ad oggi le small cap presenti nell’indice Russell 2000 hanno riportato performance migliori rispetto alle altre azioni dei mercati azionari statunitensi. Lo segnala Francesco Lomartire, responsabile di Spdr Etfs per l’Italia che riscontra nello scenario attuale “una serie di fattori a supporto delle società a più bassa capitalizzazione” e di conseguenza ritiene che questo trend positivo possa continuare.

Crescita degli utili più robusta

“Per prima cosa ci aspettiamo una crescita degli utili delle società dell’indice Russell 2000 di circa il 25,6% il prossimo anno, molto più elevata rispetto alle performance delle società a grande e media capitalizzazione” nota l’esperto di Spdr Etfs per l’Italia. Le valutazioni, in base al rapporto prezzo/utili, sono ritornate nella propria media di cinque anni. Inoltre attualmente le small cap vengono negoziate a un prezzo relativamente più basso rispetto al rapporto prezzo/utili dell’S&P500.

Pil Usa visto crescere del 2,9%

In secondo luogo, storicamente la correlazione tra l’indice Russell 2000 e la crescita del Pil statunitense è stata forte e pari allo 0,514. “Questa correlazione suggerisce che le small cap tendono a registrare buone performance quando l’economia è in crescita. State Street Global Advisors stima che quest’anno il Pil degli Stati Uniti crescerà ad un ritmo del 2,9% e che il paese potrebbe sperimentare quella che sarebbe di gran lunga la più alta crescita tra i mercati sviluppati”.

Anche protezionismo può giocare a favore

Inoltre, durante l’ultima guerra commerciale, tra febbraio 2002 e novembre 2003, le small cap statunitensi hanno registrato performance migliori rispetto alle large cap, ai titoli dell’Msci Europe e dell’Msci Acw, testimonando come le small cap Usa possano potenzialmente trarre beneficio dal protezionismo di Trump. Infine i flussi hanno recentemente registrato un trend al rialzo, sia nei fondi comuni che negli Etf e una tendenza analoga è identificabile anche nel mercato delle opzioni. Questo suggerisce che ci sono maggiori preoccupazioni riguardo le large cap piuttosto che le small cap.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Engie investe 150 mln per favorire la transazione energetica

Etf: al via il primo prodotto sul Bitcoin negli Usa

Etf, raccolta resiliente nonostante l’aumento della volatilità

NEWSLETTER
Iscriviti
X