Btp: cresce spread coi Bund, mentre la curva italiana tende ad appiattirsi

A
A
A
di Luca Spoldi 2 Ottobre 2018 | 12:00

Investitori escono da Btp, si rifugiano nei Bund

La crisi che rischia di aprirsi sui conti pubblici tra Italia e Ue fa ripartire il “fly to quality” con investitori che riducono l’esposizione ai titoli di stato italiani e parcheggiano la liquidità sui Bund, contribuendo ad ampliare ulteriormente lo spread di rendimento tra i due emittenti sovrani. Il Btp decennale guida oggi vede il rendimento salire al 3,40%, livello che non si vedeva dall’aprile del 2014 e che supera il 3,3% indicato come target del movimento ribassista di breve da alcuni analisti nei giorni scorsi.

Aumenta lo spread tra decennali italini e tedeschi

In parallelo si rafforza il Bund decennale guida, il cui rendimento cala allo 0,43%, per cui lo spread tra i due titoli si porta al sale al 2,97% punti base, sui massimi dal luglio del 2013. Dal minimo dell’1,72% toccato il 18 aprile scorso ad oggi, il rendimento del Btp italiano è già salito dell’1,68% determinando un maggior onere in termini di interessi sul debito pubblico pari a circa 6,7 miliardi di euro nei prossimi 12 mesi.

La curva dei tassi italiana si va appiattendo

Si riduce inoltre il differenziale di rendimento tra i titoli a 10 anni e a 2 anni, per effetto dell’aumento di 22 punti base di quest’ultimo, all’1,50%: il differenziale 10-2 anni è ora pari all’1,9%, confermando così il progressivo appiattimento della curva. Un segnale pericoloso, perché la storia recente mostra come tendenzialmente una curva dei rendimenti piatta o, peggio, invertita (tassi a breve superiori ai tassi a lunga scadenza) indichi l’avvicinarsi di una nuova fase recessiva.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X