Gacs anche per Creval ma il titolo non reagisce in borsa

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Ottobre 2018 | 09:38

Anche Creval ottiene le Gacs

Oltre al Banco di Desio e Brianza, anche il Credito Valtellinese ha fatto sapere ieri di aver ottenuto la Gacs sulla tranche senior da 509,5 milioni di euro nominali della cartolarizzazione relativa al portafoglio di sofferenze da 1,6 miliardi (“project Aragorn”) già perfezionata a giugno, ma a differenza di Banco Desio, il titolo Creval non reagisce particolarmente alla notizia.

Il titolo non reagisce in borsa

Dopo una chiusura in modesto rialzo ieri, infatti, già stamane il titolo torna a perdere terreno oscillando a 10,25 centesimi di euro per azione dopo i primi scambi in avvio di giornata a Piazza Affari. Come per Banco Desio, la completa “derecognition” del portafoglio comporta un impatto positivo sul Cet1 (in questo caso di 46 basis point, in linea con quanto già preannunciato in sede di presentazione dei risultati del secondo trimestre).

Differente andamento rispetto al Banco Desio

Così se il Banco Desio può sperare di concludere la settimana con un calo attorno ai 5 punti percentuali (alla chiusura di ieri la variazione era negativa per il 6,4%, oggi il titolo guadagna l’1,4%), Credito Valtellinese rischia di perdere almeno il doppio, avendo accumulato fino a ieri un calo attorno al 10%. La differenza tra l’andamento dei due titoli in borsa è ancora più macroscopica a medio termine: sui 12 mesi, infatti, il Credito Valtellinese cede oltre l’81%, mentre Banco Desio contiene le perdite a meno del 18%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ecco cosa vogliono gli utenti dalla banca di domani

Banche, trimestrali: ecco su quali puntare

Banche, decisa crescita semestrale per il nascente colosso svizzero Efg

NEWSLETTER
Iscriviti
X