Investimenti: la sostenibilità è ormai un fattore cruciale

A
A
A
di Redazione 27 Ottobre 2021 | 12:32

Gli investitori vedono sempre più vantaggi dall’integrazione degli investimenti sostenibili nei loro portafogli. A dirlo è la nuova edizione dell’Investor Sentiment di UBS, la ricerca sulla fiducia degli investitori di UBS.

La ricerca, per la quale sono stati intervistati 3.004 investitori e 1.202 imprenditori in 15 mercati a livello globale, ha rilevato che la maggioranza degli investitori prevede rendimenti da investimenti sostenibili pari o superiori a quelli da investimenti tradizionali e che il 69% è alla ricerca di consulenza per aumentare la propria allocazione di portafoglio.

Inoltre, il sondaggio ha rilevato che la maggior parte degli investitori rimane ottimista sull’economia della propria regione (67%) e sul mercato azionario (63%) per i prossimi 12 mesi, ma è sempre più preoccupata per l’aumento delle tasse, il cambiamento climatico e lo scenario politico domestico.

“Gli investitori continuano a rimanere ottimisti in merito all’economia e ai mercati e molti prevedono di aumentare la loro esposizione agli asset di rischio, con un’attenzione particolare agli investimenti sostenibili”, ha dichiarato Tom Naratil, Presidente di UBS Americas e Co-Presidente di UBS Global Wealth Management. “Con il cambiamento climatico in cima alle preoccupazioni degli investitori, tutti si concentreranno sui progressi compiuti in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) e sulle nuove misure concordate”.

Gli imprenditori continuano ad essere fiduciosi nei confronti della loro attività per i prossimi 12 mesi, nonostante la maggior parte riferisca di aver registrato negli ultimi sei mesi una domanda più debole da parte dei clienti, difficoltà nell’assumere e trattenere i dipendenti, nonché un’inflazione dei salari. In uno scenario del mercato del lavoro caratterizzato da ristrettezze, molti imprenditori hanno implementato orari e luoghi di lavoro più flessibili e il 66% ha indicato di aver aumentato la paga base dei dipendenti.

“Per tutta la durata della pandemia, i titolari di aziende hanno affrontato molte sfide relative alla forza lavoro e hanno introdotto modifiche per soddisfare le esigenze di dipendenti e clienti”, ha dichiarato Iqbal Khan, Presidente di UBS Europa, Medio Oriente e Africa e Co-Presidente di UBS Global Wealth Management. “È incoraggiante vedere che la maggioranza degli imprenditori rimane ottimista e interessata ad assumere e investire di più nelle proprie aziende nei prossimi 12 mesi”. UBS Group AG and UBS AG, Comunicato stampa, 27 ottobre 2021 Pagina 2 di 3

Paolo Federici, Market Head di UBS Global Wealth Management in Italia, ha così commentato: “Negli ultimi 3 mesi l’interesse da parte degli investitori italiani verso gli investimenti sostenibili ha registrato un ulteriore balzo in avanti. Insieme all’interesse, aumenta anche la necessità da parte dei nostri clienti di consulenza per rivedere l’allocazione del proprio portafoglio verso i temi ‘green’. Questa tendenza conferma ancora una volta che la direzione intrapresa da UBS GWM negli ultimi anni è quella vincente. La nostra visione di lungo termine è infatti assolutamente in linea con le esigenze degli investitori, focalizzandosi ormai da tempo sulla sostenibilità e sulla consulenza tailor-made”.

Risultati e raccomandazioni per regione

Stati Uniti

Gli investitori statunitensi rimangono ottimisti sullo scenario economico della regione per i prossimi 12 mesi (61%) e sul mercato azionario nei prossimi 6 mesi. Tuttavia, l’ottimismo è diminuito su entrambi i fronti rispetto al trimestre precedente.

America Latina

L’ottimismo degli investitori latinoamericani sull’economia della regione per i prossimi 12 mesi è sceso leggermente al 65% (2 punti percentuali in meno rispetto al trimestre precedente). Anche le aspettative sulla performance del mercato azionario sono scese della stessa misura fino al 62%.

Svizzera

Dopo un picco nel secondo trimestre, l’ottimismo degli investitori svizzeri è tornato a livelli simili a quelli del primo trimestre, con il 56% positivo sulle prospettive economiche a 12 mesi. Tuttavia, le aspettative del mercato azionario sono calate significativamente, con il 46% degli intervistati che si aspetta una buona performance del mercato (in calo rispetto al 67% del primo trimestre).

Europa (eccetto Svizzera)

Il 77% degli investitori europei al di fuori della Svizzera rimane ottimista per l’economia della regione nei prossimi 12 mesi. Tuttavia, l’ottimismo a sei mesi per la performance del mercato azionario è sceso di 2 punti percentuali al 71%.

Asia

Gli investitori in Asia sono leggermente meno ottimisti sulle prospettive dell’economia della regione nei prossimi 12 mesi, con un calo di 2 punti percentuali attestandosi al 64%. Le aspettative rispetto al mercato azionario per i prossimi 6 mesi sono scese di 3 punti percentuali al 60%.

La ricerca

UBS ha svolto un sondaggio presso 3.004 investitori e 1.202 imprenditori con almeno $1M in asset da investire (per gli investitori) o almeno $1M di reddito annuale e almeno un dipendente oltre all’imprenditore (per gli imprenditori), dal 28 settembre al 18 ottobre 2021. Il campione globale era distribuito su 15 mercati: Argentina, Brasile, Cina continentale, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Singapore, Stati Uniti e Svizzera. Per i risultati del 2° trimestre 2021, UBS ha intervistato 4.200 investitori e imprenditori a livello globale, dal 23 giugno al 12 luglio 2021.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X