Investimenti, agricoltura e guerra: le conseguenze per gli investitori

A
A
A
di Redazione 6 Maggio 2022 | 16:29

La Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e l‘Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura sono stati tutti nei notiziari ultimamente, esprimendo preoccupazione per l’aumento dei prezzi degli alimenti e le implicazioni a catena. “Perché gli investitori dovrebbero prestare attenzione?”, chiede Rahul Bhushan, co-fondatore di Rize ETF, che di seguito illustra nel dettaglio la sua view.

Quando tre delle ONG più influenti del mondo richiamano l’attenzione sullo stesso problema, vale la pena prestare attenzione.

La guerra in Ucraina sta avendo un forte impatto – l’Ucraina è uno dei cinque “panieri” del mondo e la Russia ne rappresenta un altro. Insieme, Russia e Ucraina fino a poco fa erano responsabili di circa un quarto delle esportazioni di grano a livello globale.

Quelle forniture e quelle di altri alimenti sono state pesantemente colpite, se non bloccate del tutto, dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin. I prezzi sono aumentati di conseguenza. Un altro fattore che contribuisce alla crisi, e che secondo alcuni avrà conseguenze a lungo termine, è la mancanza di fertilizzanti (potassa e fosfato) che vengono esportati, dato che i materiali di base utilizzati per la loro produzione provengono in gran parte dalla Russia.

Il problema della precarietà alimentare

Sarebbe semplicistico affermare che la guerra è interamente responsabile della crisi alimentare in arrivo. In realtà, le crepe nel nostro sistema alimentare ci sono già da un po’ di tempo.

Una delle grandi sfide nell’alimentazione è stata che sebbene il nostro sistema alimentare sia snello ed efficiente, non ha una forte ridondanza e malleabilità. Le calorie non sono intercambiabili perché ci sono punti di consumo locali, il che significa tecnologie e attrezzature localizzate e catene di approvvigionamento. Quindi un piccolo calo nell’offerta può avere profonde conseguenze più in basso nella catena del consumo.

Prima della guerra, quindi, i sistemi alimentari stavano già lottando per far fronte ai bisogni alimentari di 7,8 miliardi di persone nel mondo. Ora è probabile che la situazione diventi ancora più difficile.

Trascurando per un momento i problemi di approvvigionamento di grano, mais, mais e fertilizzanti dovuti al conflitto Russia/Ucraina, il mondo stava già investendo pesantemente in tecnologie e soluzioni che potevano portare un cambiamento positivo. Questi investimenti stavano andando non solo nelle proteine, negli ingredienti e negli aromi a base di piante o nella tecnologia della catena di approvvigionamento e del confezionamento, ma anche nell’agricoltura stessa – con l’obiettivo di rendere l’agricoltura più efficiente in termini di risorse, meno dannosa per la terra e il suolo e di promuovere le rese senza danneggiare i mezzi di sussistenza degli agricoltori.

Da dove proviene il cambiamento?

Gli agricoltori sono gestori indispensabili dell’ambiente naturale. Capiscono gli ecosistemi regionali e le sfide di sostenibilità delle loro comunità meglio di chiunque altro, il che li rende attori vitali nel nostro percorso verso la sostenibilità alimentare globale. È imperativo, quindi, che la nostra ricerca globale di nutrire i 10 miliardi di persone nel mondo sia allineata con la missione di proteggere i nostri agricoltori e i loro mezzi di sussistenza.

Mentre le nuove e innovative tecnologie agricole devono ridurre il consumo di energia e le emissioni di gas serra e migliorare la salute del nostro suolo riducendo l’acqua e gli input chimici, queste stesse tecnologie devono anche garantire che i nostri agricoltori possano aumentare la loro produttività e i loro rendimenti senza compromettere la qualità e la produttività, o la loro salute aziendale.

In definitiva, l’agricoltura ha bisogno di essere economica se vogliamo che i nostri obiettivi di sostenibilità per il settore alimentare e agricolo siano fattibili, e si concretizzino, nel lungo periodo. Fortunatamente, i progressi nell’agrotecnica ci stanno avvicinando a questo obiettivo.

Due aziende all’avanguardia

Ecco due aziende agri-tech che crediamo siano ben posizionate per contribuire a rendere un sistema alimentare e agricolo sostenibile più realizzabile. Entrambe sono presenti nel nostro Rize Sustainable Future of Food UCITS ETF (FOOD).

AGCO Corporation

AGCO Corporation (“AGCO”) è un leader globale nella progettazione, produzione e distribuzione di macchinari agricoli e tecnologia agricola di precisione. In una recente intervista alla CNBC del 24 marzo 2022, l’amministratore delegato della società, Eric Hansotia, ha commentato che AGCO sta dando la priorità ad aiutare gli agricoltori ad aumentare il loro raccolto senza esaurire le loro scorte limitate o dover fare acquisti (leggi: fertilizzanti) che potrebbero intaccare i loro profitti.

Il volume di vendite stellare di AGCO, la robusta domanda del mercato finale e i prezzi positivi dovrebbero fornire risultati notevoli per l’anno in corso. L’aumento della domanda di sostituzione per le flotte che invecchiano dovrebbe anche guidare la sua linea superiore. AGCO continua a investire in tecnologia di prima qualità e in soluzioni agricole intelligenti nel tentativo di rafforzare l’offerta di prodotti. Inoltre, le azioni di controllo dei costi in risposta all’inflazione dei costi dei materiali probabilmente guideranno i margini.

Deere & Co

Deere & Co (Deere) è il più grande produttore mondiale di attrezzature e tecnologie agricole. L’azienda  ha l’obiettivo di trasformare il suo business in una piattaforma agri-tech a tutti gli effetti. Nel 2020, ha annunciato una nuova visione e un nuovo modello operativo per accelerare il successo attraverso l’integrazione della tecnologia intelligente nella sua produzione legacy. Questa strategia Smart Industrial si concentra sulla fornitura di macchine e applicazioni intelligenti e connesse che hanno il potenziale di trasformare i sistemi di produzione in agricoltura e nelle costruzioni. Entro il 2026, tra le altre cose, l’azienda vuole garantire che (i) il 100% delle sue nuove piccole attrezzature agricole sia collegato digitalmente; (ii) fornire un trattore agricolo elettrico a batteria completamente autonomo; e (iii) raggiungere 500 milioni di acri impegnati (con il 50% altamente impegnato).

Deere è ben posizionata per beneficiare dell’aumento della domanda di attrezzature agricole, guidata dai prezzi più alti delle materie prime agricole. Per il 2022, gli analisti si aspettano circa il 20% di crescita delle entrate e degli utili. Ancora meglio, quest’ultimo è previsto salire di un altro 15% nel 2023.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Materie prime, un potenziale da cogliere sulla scia della pandemia

Rivoluzione del cibo, ecco dove cogliere nuove opportunità d’investimento

L’agricoltura 4.0 in Italia vale 100 milioni di euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X