Asset allocation, India: prospettive positive per il settore pharma

A
A
A
di Redazione 20 Giugno 2022 | 16:01

Il governo indiano si sta adoperando per ampliare la copertura e l’accessibilità della sanità alla popolazione, ad esempio offrendo un’assicurazione sanitaria gratuita per le famiglie a reddito inferiore. Per stimolare gli investimenti, il governo ha introdotto diversi programmi per ridurre la dipendenza dell’India dalla Cina per i principi attivi farmaceutici (API) e migliorare la produzione nazionale di farmaci essenziali”. Parola di Veronique Erb, Portfolio Manager Emerging Markets di RBC Global Asset Management, che di seguito illustra nel dettaglio la view.

A nostro avviso, si tratta di piccoli passi per migliorare l’ecosistema produttivo dei prodotti essenziali in India. Finora abbiamo assistito a una partecipazione limitata e selettiva da parte delle principali aziende farmaceutiche, che sono in attesa di una maggiore chiarezza sulle politiche e di maggiori incentivi prima di impegnare maggiori capitali.

Una graduale ripresa dello schema di incentivi per i piccoli produttori potrebbe rafforzare l’ecosistema della produzione farmaceutica nazionale nel lungo periodo. Ma i benefici più immediati dello schema saranno visibili nei prossimi due anni.

Più in generale, sebbene ci aspettiamo che il mercato sanitario indiano rimanga dinamico nel resto del 2022 a causa delle preoccupazioni macro, dell’aumento dei prezzi delle materie prime, della volatilità della catena di approvvigionamento e di alcune sfide specifiche del settore, come l’erosione dei prezzi dei farmaci generici negli Stati Uniti, quest’anno i tassi di crescita del settore dovrebbero tornare al 10-12%.

Nell’attuale contesto, riteniamo che il segmento degli ospedali si trovi in una posizione migliore rispetto ai produttori farmaceutici, in quanto il flusso di pazienti (compresa la domanda repressa) rimane forte. Per le aziende farmaceutiche, ci aspettiamo che le sfide specifiche continueranno per i prossimi 1-2 trimestri, ma il contesto dovrebbe migliorare nella seconda metà dell’anno.

Un esempio vincente è il Dr. Reddy’s Lab, che si sta concentrando sul mercato indiano e su altri mercati emergenti, dove il potere dei prezzi è forte, come mercato finale. Anche le valutazioni sono interessanti.

L’India rimane ancora un hub per i farmaci generici e i suoi progressi nel settore sanitario hi-tech, come le biotecnologie, sono stati finora molto graduali. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le competenze indiane si concentrano maggiormente sullo sviluppo di farmaci generici di qualità a costi inferiori.

Guardando più in generale alle IPO sul mercato indiano, il contesto è diventato più difficile per la maggior parte dei settori in generale, dato che alla fine dello scorso anno si è assistito a un’ondata di quotazioni, molte delle quali a valutazioni elevate, in particolare nei settori della tecnologia e delle piattaforme.

Non credo che la difficoltà del mercato delle IPO avrà un impatto sullo sviluppo del settore sanitario. Potrebbe avere un impatto sui piani di raccolta fondi per le aziende che cercano di espandersi nello spazio dell’e-health, come le farmacie online, la diagnostica, le tele-consulenze ecc. Tuttavia, si tratta ancora di una piccola porzione del mercato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X