Asset allocation: opportunità dal settore bancario e dai titoli con short duration

A
A
A
di Redazione 29 Giugno 2022 | 12:15

“La prima metà del 2022 è stata caratterizzata da un mercato prevalentemente ribassista, che lascia spazio ad una potenziale recessione. Tuttavia, crediamo che la probabilità che si verifichi una recessione nei prossimi 12 e 24 mesi sia rispettivamente del 30% e del 50%“. Parola di Marco Oprandi, Head of Cross Asset Solutions di Cirdan Capital, che di seguito illustra nel detaglio la propria view sul mercato.

Sebbene vi sia una buona probabilità che accada, riteniamo sia rilevante definire le tre principali tipologie di fattispecie e il loro impatto sull’economia reale e finanziaria: la recessione strutturale, la “event-driven” e la ciclica. La prima, per l’appunto, deriva da una crisi di stampo-economico finanziario globale che porta il mercato a registrare forti ribassi fino al -60% in circa sei-dodici mesi, con almeno cinque anni per la ripresa. Un esempio è la crisi finanziaria del 2008. La “event-driven” è invece influenzata da eventi tipicamente esogeni, come ad esempio la pandemia dettata dal virus COVID-19, dove il mercato mostra ribassi per circa -30% in pochi giorni, con un periodo stimato di ripresa di circa un anno. Infine, la recessione ciclica è il risultato del ciclo economico-finanziario. Quest’ultima manifesterebbe dei ribassi per un periodo di un anno, totalizzando circa -30%, con una successiva ripresa di circa due anni.

Nel turbolento contesto economico, riteniamo che le attuali prospettive di recessione siano di natura ciclica, in quanto dettate dalle aggressive politiche attuate dalle principali banche centrali volte ad incrementare i tassi di interesse.

In questo panorama prediligiamo i titoli del settore bancario, che reputiamo possano beneficiare del corrente aumento dei tassi. Mentre, considerando i forti ribassi per il settore energetico, stimiamo che i titoli energetici siano ‘scontati’ rispetto al loro valore e potenziale.

Una categoria di azioni che vediamo come interessante in questo periodo di incremento dei tassi di interesse sono quelle con short duration, le quali sono solite generare una buona parte dei cash-flows nel breve termine, rendendole più competitive rispetto agli asset risk-free, come i treasury bond.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti