Sorpresa: in Italia è diminuita l’età media degli investitori

A
A
A
di Redazione 26 Ottobre 2022 | 09:29

Generazioni sempre più giovani in Italia si stanno avvicinando al mondo degli investimenti: in circa cinque anni, l’età media degli investitori nel nostro Paese si è abbassata da 49 anni a circa 34.

Di pari passo con questo trend, molte persone con scarsa esperienza professionale o educativa, in particolar modo per quanto riguarda i contratti per differenza (CFD), sono entrate nel settore degli investimenti in Italia.

“Come XTB, stiamo iniziando a rivolgerci a nuovi investitori, che non avendo esperienza o conoscenza del settore potrebbero preferire ed essere più adatti a prodotti reali, fra cui azioni ed ETF, piuttosto che a prodotti in leva come i CFD. Uno degli obiettivi principali di XTB è infatti quello di offrire materiali formativi completi ed esaurienti, per consentire ai nuovi trader di acquisire le conoscenze necessarie per avvicinarsi al mondo degli investimenti in modo consapevole”, ha commentato Walid Koudmani, chief market analyst di XTB. “Quasi il 70% degli investitori individuali attivi in Italia sulla nostra piattaforma, infatti, non ha avuto esperienze precedenti nel trading CFD, contro il 65% della media”.

Questi alcuni dei dati che emergono dall’analisi di XTB, piattaforma leader di investimento online, nonché uno dei maggiori broker FX e CFD quotati in borsa al mondo, secondo cui l’incremento della popolarità degli strumenti finanziari online e il maggiore tempo a disposizione durante i lockdown hanno spinto gli investitori individuali a interessarsi in maggior misura ai mercati azionari.

Occupazione e livello di istruzione degli investitori in Italia

Nel settore del trading, neppure le professioni più comuni di chi investe in Italia rassicurano su una solida base di conoscenze: nel 25% dei casi, gli investitori si occupano di un lavoro manuale (vs 14% in media), mentre nel 12% sono imprenditori (vs 13% della media). Solo nell’1% dei casi (vs 3% in media) si tratta di esperti che lavorano in ambito bancario o finanziario oppure, sempre nell’1% si tratta di manager (vs l’8% della media). Infine, il 13% degli investitori non ha un’occupazione (vs 6% in media).

A livello di istruzione, solamente il 23% (vs 59% della media) di chi fa trading nel nostro Paese ha conseguito una laurea, mentre il 61% (vs 36% in media) ha un diploma di scuola superiore e il 15% (vs 4% della media) ha un’istruzione di base. In questo contesto, l’Italia rimane uno dei 12 Paesi OCSE in cui il livello di istruzione terziaria è ancora meno diffuso rispetto a quello secondario superiore o post-secondario.

L’educazione finanziaria è la chiave

Sul fronte dell’educazione finanziaria, c’è ancora molta strada da fare nel nostro Paese: secondo l’ultima analisi condotta dall’Ocse nel 2020, fra 26 Paesi coinvolti dallo studio sull’alfabetizzazione finanziaria, l’Italia risulta all’ultimo posto.[6] La media di punteggio è pari a 12,7 su un massimo di 21, e rappresenta il livello ottimale di una conoscenza finanziaria di base per prendere decisioni in maniera consapevole.

L’Italia purtroppo è ancora fra i fanalini di coda nell’alfabetizzazione finanziaria:  È quindi fondamentale lavorare come ecosistema per superare gli ostacoli che bloccano lo sviluppo delle competenze finanziarie nel nostro Paese, con un occhio particolare per le generazioni più giovani e con meno esperienza”, ha aggiunto Walid Koudmani. “A maggior ragione nel mondo dei mercati azionari, è cruciale educarsi prima di investire, trattando il trading come se fosse un lavoro qualunque e che necessita dunque di un corposo processo di apprendimento. Chi mai opererebbe una persona senza aver prima studiato medicina?”

Ecco perché da tempo XTB è impegnata nel promuovere una maggiore conoscenza finanziaria: da qui nasce la nuova Masterclass XTBCrisi Energetica & Inflazione: come proteggere gli investimenti?”, in collaborazione con Money.it, che si terrà mercoledì 16 novembre alle ore 18.00 in streaming sul canale YouTube di XTB, in occasione della quale si parlerà dell’attuale situazione economica, dalla crisi energetica, all’inflazione, fino alla recessione, oltre che delle loro ripercussioni sui mercati finanziari. Interverranno alla tavola rotonda moderata da David Pascucci, trader, giornalista di Money.it ed esperto di mercati finanziari, Luca Boiardi, Fondatore e Amministratore Unico di The Crypto Gateway, Riccardo Carnevale, Partner & HoE Starting Finance, Marco Casario, macrotrader e macroinvestor, Marco Costanza e Simone Taverna, fondatori di Aloha Finance, e Pietro Michelangeli, CEO di Analitica e influencer esperto di finanza personale.

Inoltre, tra le ultime iniziative di XTB, un minicorso per imparare a investire: 5 moduli da 5 video ciascuno sui 5 strumenti più negoziati (forex, azioni, cripto, commodities ed ETFs) con sessioni pratiche sulla piattaforma xStation per imparare a fare trading da subito, avendo chiari i rischi operativi sul singolo strumento. Disponibile sul sito Scuoladitrading.it.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti