Asset allocation: ecco perchè tornare a puntare sui bond

A
A
A
di Redazione 26 Ottobre 2022 | 12:29

L’inflazione è riuscita a far passare in secondo piano tutte le altre crisi, che al momento non mancano. Nell’Eurozona ha raggiunto il massimo storico di oltre il 10% a settembre. La maggior parte delle banche centrali si sono impegnate ad aumentare drasticamente i tassi d’interesse per combattere l’inflazione, che fino a poco tempo fa consideravano solo un fenomeno transitorio, ma il forte aumento dei rendimenti ha fatto crollare i prezzi delle obbligazioni.

In questo scenario, ecco di seguito la view di Bert Flossbach, co-fondatore di Flossbach von Storch.

Oggi stiamo dunque vivendo il più grande crollo obbligazionario di tutti i tempi. In passato si sono verificati periodi di forte aumento dei tassi di interesse e dei rendimenti obbligazionari, ma questa volta sono soprattutto i titoli zero-coupon con durate più lunghe (periodo effettivo di impegno del capitale) a reagire in sensibilmente alle variazioni dei tassi di interesse. Ironia della sorte, si tratta di investimenti considerati assolutamente sicuri in ogni Paese, motivo per cui gli investitori conservatori che credevano di essere al sicuro investendo in titoli di Stato sono stati particolarmente colpiti dal crollo.

Nel settore delle obbligazioni, le perdite di prezzo di ieri sono i guadagni di domani, a patto che l’emittente non fallisca prima della scadenza dell’obbligazione. Anche in questo caso, però, il termine “domani” non è ben definito. Un altro aumento dei tassi d’interesse deprimerebbe soprattutto i prezzi delle obbligazioni a lunga scadenza. A questo proposito, il tempismo gioca un ruolo fondamentale per le obbligazioni. Alcuni settori del mercato obbligazionario, molto eterogeneo, mostrano tuttavia opportunità di investimento molto più interessanti rispetto a pochi mesi fa.

Per la prima volta dalla fine della crisi finanziaria, quasi 14 anni fa, gli investitori nel dollaro possono nuovamente utilizzare le obbligazioni indicizzate all’inflazione per ottenere rendimenti reali vicini al 2%. Chi pensa in termini di euro ed evita il rischio del dollaro, invece, deve ancora accontentarsi di un rendimento reale pari a zero.

I rendimenti della maggior parte delle obbligazioni societarie sono aumentati ancora di più rispetto ai titoli di Stato. Sebbene la protezione dall’inflazione non sia garantita, alcuni rendimenti nominali sono probabilmente abbastanza elevati da garantire la conservazione del capitale reale anche se i tassi di inflazione sono significativamente più alti che in passato. Ciò è particolarmente vero per le “obbligazioni ibride”, che hanno scadenze legali molto lunghe ma possono essere rimborsate dalle società in date prestabilite. Una selezione di obbligazioni di emittenti solidi con una durata media di poco inferiore ai cinque anni (fino alla data di call) offre oggi un rendimento di circa il 7%, rispetto al 2% di inizio anno.

I rendimenti delle obbligazioni societarie tradizionali in euro con solidi rating creditizi si aggirano intorno al 4%. Sebbene sia nettamente inferiore ai rendimenti delle obbligazioni ibride, si stanno lentamente avvicinando a un livello nuovamente interessante. Tale livello verrebbe raggiunto se si potesse prevedere un rendimento reale positivo anche qualora l’inflazione fosse nettamente superiore all’obiettivo delle banche centrali del 2%. Ciò potrebbe essere favorito da un notevole aumento dei differenziali di rendimento rispetto ai titoli di Stato, probabile in caso di recessione.

Nelle ultime settimane abbiamo approfittato del significativo aumento dei rendimenti per creare le prime posizioni obbligazionarie degne di nota nei nostri fondi flessibili multi-asset. Se le banche centrali riusciranno a tenere sotto controllo l’inflazione e i rendimenti scenderanno di nuovo nel medio termine, oltre alle cedole queste obbligazioni dovrebbero anche offrire significativi guadagni di prezzo. In caso contrario, i rendimenti elevati dovrebbero essere sufficienti a compensare la perdita di potere d’acquisto legata all’inflazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti