Asset allocation, bond: in attesa della svolta, il cash non è l’unica opzione

A
A
A
di Redazione 21 Novembre 2022 | 15:01

Oggi gli investitori si trovano a dover affrontare una significativa volatilità giornaliera, una grande incertezza e notevoli oscillazioni di performance tra gli asset ad alto e a basso rischio. In questo scenario, ecco diseguito la view di Andrew Lake, Head of Fixed Income di Mirabaud AM.

A causa della mancanza di una direzione precisa del mercato, alcuni investitori si sono rifugiati nella liquidità: non riteniamo, tuttavia, che questa sia una strategia d’investimento valida e riteniamo che alla fine si rivelerà costosa considerando un orizzonte di 12 mesi.

Nonostante queste turbolenze sui mercati, ci sono alcune interessanti opportunità di investimento nel reddito fisso per chi ha una visione di medio-lungo termine.

La liquidità non è la risposta: opportunità nel panorama globale del reddito fisso

  • Titoli di Stato dei mercati sviluppati

Il Regno Unito non è particolarmente interessante in questo momento. La parte breve della curva va bene perché il Paese non andrà in bancarotta, ma la parte più lunga probabilmente mostrerà una continua volatilità e non abbiamo indicazioni su quale sarà la prossima mossa del governo.

Al di là del Regno Unito, il reddito fisso a breve termine appare interessante per gli investitori più avversi al rischio. I Bund a 2 anni rendono oltre il 2% e i Treasury statunitensi oltre il 4%.

  • Obbligazioni corporate investment grade

Il debito investment grade è l’area del reddito fisso dove vediamo le maggiori opportunità. Gli spread stanno prezzando molte notizie negative e con l’intera curva che si riprezza, ci sono buone ragioni per investire in obbligazioni a breve e a lunga scadenza. Quando i tassi d’interesse raggiungeranno il picco, l’inflazione inizierà a scendere e il rallentamento dell’economia prenderà piede, vedremo il potenziale di detenere asset a più lunga scadenza. Per i più conservatori, le obbligazioni a breve scadenza offrono oggi rendimenti molto interessanti.

  • Obbligazioni corporate high yield

Gli spread sono di nuovo interessanti, mentre i rendimenti complessivi sono vicini al 10%. Vediamo opportunità nel debito high yield di qualità superiore, soprattutto nelle società più solide con bilanci robusti.

  • Debito mercati emergenti

Il segmento nel suo complesso non è un buon acquisto al momento, ma ci sono sacche di opportunità al suo interno. Brasile, Messico e Medio Oriente sono mercati in cui abbiamo trovato investimenti interessanti di recente.

Con le metriche di tutto il mercato agli estremi degli ultimi 20 anni, è un momento interessante per considerare l’aggiunta di posizioni selezionate e di qualità.

Outlook

I mercati rimarranno volatili nel prossimo futuro e stiamo osservando alcuni segnali di stress legati alla liquidità, ma nulla di sistemico a questo punto. Il timore è che la Fed (e, in seconda battuta, la BCE) aumentino in modo troppo aggressivo i tassi e provochino una recessione molto più grave di quella prevista dai mercati. Questo rischio è aumentato, ma molto dipenderà dal calo dell’inflazione. Tutti gli indicatori che osserviamo suggeriscono che l’inflazione sta iniziando a scendere, ma non così rapidamente come vorrebbe la Fed. Mi aspetto comunque una pausa della stretta monetaria nei prossimi mesi, per consentire agli effetti dei rialzi in corso di manifestarsi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti