Asset allocation: l’outlok di Macquarie AM per il prossimo anno

A
A
A
di Redazione 5 Dicembre 2022 | 14:31

Macquarie AM ha pubblicato l’outlook 2023, che fornisce le prospettive sui temi destinati a influenzare il panorama degli investimenti e la performance delle principali asset class per l’anno a venire.

Nell’outlook 2023 Macquarie AM delinea le proprie aspettative per cui, con l’allentamento delle pressioni sulla catena di approvvigionamento e l’indebolimento della domanda aggregata, nel corso del 2023 l’inflazione dovrebbe moderarsi, pur rimanendo al di sopra degli obiettivi delle banche centrali, pari a circa il 2%.

Secondo Macquarie AM gli Stati Uniti entreranno in recessione nel primo semestre del 2023, dopo il Regno Unito e l’Europa; tuttavia, queste recessioni si dovrebbero concludere entro la metà del 2023 e i Paesi industrializzati potrebbero assistere a una ripresa sincronizzata verso la fine dell’anno.

La sicurezza energetica continuerà a essere un tema dominante per l’anno a venire. Macquarie AM prevede che, sebbene l’Europa possa disporre di risorse sufficienti per superare l’inverno grazie all’aumento delle importazioni di gas naturale liquefatto e alla dipendenza da altre fonti di combustibile, la sfida più grande si presenterà l’anno prossimo. L’asset manager ritiene inoltre che le ultime tensioni sui mercati energetici potrebbero accelerare la transizione verso un sistema energetico a basse emissioni di carbonio.

Ben Way, Group Head di Macquarie Asset Management, ha dichiarato: “Il 2022 è stato difficile da molti punti di vista: inflazione globale, fine della politica monetaria agevolata, interruzioni della catena di approvvigionamento e una guerra immotivata che, tra l’altro, ha spinto l’Europa a privilegiare l’approvvigionamento energetico rispetto alla transizione energetica. Questi eventi hanno portato i mercati globali a una fase al ribasso e le sfide che hanno presentato permangono anche nel 2023. Sulla base della nostra esperienza e delle opinioni dei nostri esperti rimaniamo ostinatamente ottimisti. L’economia globale deve affrontare sfide diverse e complesse, ma noi possiamo svolgere un ruolo chiave nel presentare ai nostri clienti opportunità che genereranno un impatto positivo per tutti. Quando volatilità e incertezza abbondano e il costo del capitale non è pari a zero, è particolarmente importante essere un investitore attivo”.

Mercati azionari globali: a metà tra ottimismo e cautela

Macquarie AM mantiene cautela nei confronti dei titoli azionari a causa dei rischi legati agli utili e prevede un calo dei mercati azionari a causa delle condizioni di recessione del mondo sviluppato. L’asset manager vede opportunità nel giocare su temi chiave come la deglobalizzazione e l’on-shoring, con le imprese di costruzione e ingegneria, le ferrovie e le aziende di beni di consumo voluttuari che ne diventano i principali beneficiari.

Mercati globali del debito: abbondano le opportunità

I rendimenti obbligazionari sono aumentati notevolmente nel 2022, offrendo valutazioni interessanti e forti livelli di protezione per gli investitori nei mercati investment grade, high yield e sovrani del mondo sviluppato. Tuttavia, secondo Macquarie AM, è giustificata una posizione difensiva, dato il potenziale di recessione e inflazione che potrebbe compromettere il brillante inizio del 2023.

Real Asset: Caratteristiche attrattive in tempi difficili

Nell’ambito degli asset reali, nel 2022 le infrastrutture hanno guadagnato consensi tra gli investitori istituzionali grazie alla natura difensiva e legata all’inflazione dei loro flussi di cassa. In quello che si prevede sarà un contesto macroeconomico difficile e volatile nel 2023, è probabile che gli investitori continuino ad essere attratti da investimenti azionari difensivi, con rendimenti elevati e che offrano protezione dall’inflazione. Le infrastrutture hanno tutte queste caratteristiche.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti