Asset allocation, settore energy: la view di Safra Sarasin

Il settore energetico globale ha registrato una certa ripresa ultimamente, dopo aver sottoperformato le azioni globali da novembre. Nel dettaglio, ha sovraperformato le azioni globali del 7% dai minimi del 2023 di luglio, grazie alla ripresa dei prezzi del petrolio (Brent). Questi ultimi sono tornati a 87  dollari per barile, posizionandosi nella parte superiore della loro fascia di negoziazione del 2023, con i minimi vicini a 70 dollari di luglio.

“Sebbene il settore abbia ancora spazio per recuperare con l’attuale livello dei prezzi del petrolio, sembra improbabile un periodo di sovraperformance più duraturo. In primo luogo perchè non ci sono buone ragioni per ritenere che i prezzi del petrolio siano sul punto di registrare un rialzo sostenibile rispetto al loro range del 2023, date le prospettive mutevoli del ciclo produttivo globale”. L’avvertimento arriva da Wolf von Rotberg, Equity Strategist di J. Safra Sarasin, che di seguito spiga nei particolari la view.

Sebbene l’industria manifatturiera statunitense abbia recentemente mostrato segni di stabilizzazione a livelli bassi, il che a nostro avviso è stato uno dei motivi principali dell’aumento del prezzo del petrolio, non ci aspettiamo una ripresa più sostenuta del settore manifatturiero statunitense. Ciò richiederebbe un allentamento delle condizioni di credito e una ripresa più ampia del settore manifatturiero globale, due condizioni che difficilmente si verificheranno nel medio termine. Le indagini sui prestiti negli Stati Uniti continuano a indicare un indebolimento dei dati sulla produzione nazionale, mentre la produzione globale dipende essenzialmente dall’apertura del credito cinese, che non ci aspettiamo possa fornire un grande sostegno nel breve termine.

Al di là dei poi prezzi del petrolio, l’impennata dei prezzi della benzina ha guidato il recente rimbalzo dei titoli azionari del settore energetico. Le major petrolifere tendono ad essere tra i maggiori operatori di raffinerie, insieme a diversi nomi più specializzati. Il settore ha ricevuto un’ulteriore spinta grazie all’aumento dei margini di raffinazione. È sorprendente notare che il premio con cui i prezzi della benzina vengono scambiati rispetto ai prezzi del petrolio è il secondo più alto solo dopo il 2022, quando si sono impennati in risposta all’invasione in Ucraina.

Tuttavia, riteniamo improbabile che questi aumenti possano essere sostenuti per due motivi. In primo luogo, si stima che fino alla fine del 2023 entreranno in funzione 3 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione a livello globale. Si tratta di una quantità pari alla capacità di raffinazione netta aggiunta negli ultimi 10 anni. Due nuove raffinerie si distinguono per il loro contributo importante quest’anno: La raffineria Al-Zour del Kuwait da 0,615 milioni di barili al giorno e la raffineria Dangote della Nigeria da 0,65 milioni di barili al giorno. Inoltre, quest’anno la capacità di raffinazione è stata fortemente limitata dal rinvio dei lavori di manutenzione, inizialmente previsti per il 2021 e il 2022.

Sono stati posticipati a causa della forte impennata della domanda dopo la riapertura del COVID e a causa dell’indisponibilità delle capacità di raffinazione russe nel 2022. Tuttavia, questi colli di bottiglia sono destinati ad attenuarsi verso la fine del 2023, quando i programmi di manutenzione si normalizzeranno nel corso del prossimo anno. Di conseguenza, i prezzi della benzina e del petrolio dovrebbero tornare a livelli più normali nei prossimi mesi.

Saremmo quindi particolarmente cauti nei confronti delle principali raffinerie del settore energetico, che negli ultimi anni hanno sovraperformato il resto del settore grazie all’aumento dei margini di raffinazione. Per quanto riguarda il settore dell’energia in generale, siamo cauti nell’evitare di aggiungere troppo rischio, date le sfide strutturali sopra menzionate. Tuttavia, riconosciamo che il settore è valutato in modo molto interessante e ha un certo margine di recupero se i prezzi del petrolio si stabilizzano.

Anche una volta che gli utili di consenso sono stati riportati in linea con i livelli impliciti nei prezzi petroliferi a rincaro, il PE del settore energetico globale è ancora scambiato con uno sconto del 30% rispetto alle azioni globali, ben al di sotto della media di lungo periodo che si avvicina a uno sconto del 15%. Da un punto di vista regionale, abbiamo una preferenza specifica per il settore energetico del Regno Unito, le cui valutazioni hanno sofferto ancora di più rispetto ai suoi omologhi globali.

In conclusione, nonostante la recente ripresa, non ci aspettiamo che i prezzi del petrolio si sblocchino in modo duraturo verso l’alto, mentre i prezzi della benzina dovrebbero gradualmente ritornare al tipico premio che hanno rispetto ai prezzi del petrolio. Rimaniamo quindi fondamentalmente neutrali sull’energia globale e particolarmente cauti sui principali raffinatori. Tuttavia, le valutazioni del settore energetico appaiono ancora molto ragionevoli su base relativa, anche una volta aggiustati gli utili per gli attuali livelli di prezzo del petrolio. Ciò potrebbe fornire un certo sostegno a breve termine. Riteniamo che le valutazioni del settore energetico del Regno Unito siano particolarmente interessanti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!