Investimenti: l’oro come soluzione in un momento di crisi

“In mezzo alle crescenti tensioni in Medio Oriente, l’oro sembra rispettare la sua funzione come bene di rifugio. E anche i dati più morbidi sull’inflazione potrebbero rivelarsi favorevoli per il lingotto”.A farlo notare sono gli esperti di Dws, che di seguito spiegano nel dettaglio la view.

Puntare su un evento logicamente possibile è in genere una scommessa sicura, se solo l’orizzonte temporale è sufficientemente lungo. Prendiamo l’idea che l’oro possa ancora fungere da copertura contro i rischi geopolitici o l’aumento dell’inflazione, come ha fatto durante i suoi spettacolari guadagni di prezzo degli anni Settanta. Nell’ultimo decennio, invece, il metallo prezioso ha spesso mancato di guadagnare in risposta agli eventi di rischio geopolitico.

Nelle ultime settimane, dopo il terribile attacco di Hamas del 7 ottobre contro Israele, le cose sono andate diversamente. In un momento di innumerevoli tragedie umane a Gaza e di crescenti tensioni in Medio Oriente, l’oro sembra essere all’altezza della sua reputazione di bene rifugio per gli investitori spaventati. Il prezzo dell’oro è salito significativamente dalla fine della prima settimana di ottobre. Rispetto al prezzo di chiusura di venerdì 6 ottobre, ha guadagnato oltre l’8% al momento del picco del 20 ottobre e da allora ha mantenuto la maggior parte di questi guadagni.

A titolo di riferimento, si può fare un confronto con i precedenti periodi di tensioni geopolitiche. Dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, il prezzo dell’oro è aumentato del 6,5% in cinque giorni di negoziazione, mentre le azioni, misurate dall’indice MSCI World, hanno perso circa il 5%. Tuttavia, nei due mesi successivi all’attacco, l’oro ha perso il 5%, mentre l’indice MSCI World è salito del 4,5%.

“E per fare un esempio più recente: dopo la fine della prima settimana di contrattazioni dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, il prezzo dell’oro è salito solo dell’1,3% (ma dopo altri 5 giorni di quasi l’8%), mentre l’indice MSCI World ha reagito solo in modo lievemente negativo, e solo con un po’ di ritardo: 5 giorni dopo l’assalto russo, l’indice MSCI World era in realtà in crescita del 2%; dopo 10 giorni era leggermente in rosso. Dopo due mesi interi, l’oro era ancora in rialzo di quasi il 2%, mentre l’indice MSCI World era ancora leggermente in rosso”.

Questi due esempi dimostrano che il contesto conta, quando si parla del prezzo dell’oro. Con la crescente popolarità dei veicoli negoziati in borsa per gli investimenti in oro, i dati tecnici di mercato contano probabilmente più oggi che nei decenni passati. L’attrattiva del metallo potrebbe anche essere stata favorita dalla mancanza di alternative a breve termine, con l’indice MSCI World in calo di circa il 2% dal 6 ottobre e le obbligazioni che hanno offerto l’opposto della protezione nelle ultime settimane.

Il grafico sottostante illustra in modo leggermente diverso l’importanza del contesto, mostrando il prezzo dell’oro rispetto all’inverso dei rendimenti nominali dei Treasury statunitensi a 10 anni dal 1980. Almeno da questo punto di vista, il metallo prezioso si trova più o meno dove dovrebbe essere. Naturalmente, il problema di qualsiasi affermazione di questo tipo è che non esiste un modo ovvio per valutare l’oro. Il metallo non genera “guadagni” reali. Tuttavia, il costo opportunità di detenerlo potrebbe essere catturato dai rendimenti generati da altri asset sicuri, come i Treasury statunitensi. I puristi obietteranno che un indicatore migliore del costo opportunità del possesso dell’oro sarebbero i tassi d’interesse reali, anziché quelli nominali. Questi ultimi, tuttavia, sono difficili da stimare o misurare, soprattutto se si va indietro di decenni.

La storia dimostra anche che non si può fare affidamento sull’oro per svolgere la sua funzione di copertura contro l’inflazione durante i periodi di calo secolare dell’inflazione e dei tassi di interesse nominali. Ad esempio, l’oro ha perso oltre l’80% in termini reali tra il 1980 e il 2001. Questo aspetto va tenuto presente quando si valutano le prospettive a medio termine per il prezzo dell’oro, se i tassi di interesse rimarranno a livelli elevati più a lungo del previsto. Inoltre, riteniamo che si sia giunti alla fine dell’attuale ciclo di rialzo e che l’aumento delle prospettive di recessione contribuirà a mantenere il prezzo dell’oro al livello minimo. Anche i continui acquisti di oro da parte delle banche centrali, come Cina e India, dovrebbero essere di supporto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!