Investimenti sempre più con focus sull’Esg

Nel 2023, i Principi per l’Investimento Responsabile (PRI) sono rimasti un catalizzatore fondamentale per gli investimenti sostenibili e sono sempre più al centro dell’attenzione dei policymaker globali. In termini di dimensioni, l’organizzazione rappresenta oggi oltre 500 firmatari in tutto il mondo con più di 1300 trilioni di dollari in gestione. Ogni anno, l’evento “PRI in person” riunisce i principali decision-maker a livello mondiale. Quest’anno non ha fatto eccezione, e l’inaugurazione del Primo Ministro giapponese è stata una chiara testimonianza della sua reputazione.

L’inevitabile risposta politica

“In qualità di firmatario del PRI dal 2011, DPAM assume una posizione proattiva, adattandosi all’evoluzione delle esigenze di sostenibilità. Al di là della semplice partecipazione, si tratta di assumere un ruolo di primo piano nell’influenzare e attuare i cambiamenti che definiranno il futuro degli investimenti”. Ad affermarlo è Ophelie Mortier, Chief Sustainable Investment Officer di DPAM, che di seguito illustra la view in relazioni agli investimenti Esg.

Questo approccio proattivo è in linea con le intuizioni dell’Inevitable Policy Response (IPR), un quadro di riferimento cruciale commissionato dal PRI nel 2018 che cerca di preparare gli investitori istituzionali ai rischi e alle opportunità del portafoglio associati al cambiamento climatico. In breve, l’IPR evidenzia i potenziali effetti di una transizione tardiva e affrettata verso pratiche sostenibili. Il consenso scientifico suggerisce che ritardare l’azione non farà altro che esacerbare la necessità di misure più drastiche. È indispensabile riconoscere che le risposte politiche probabilmente accelereranno, poiché i governi a tutti i livelli saranno costretti ad agire con maggiore decisione rispetto al passato per garantire il successo della transizione.

Le ramificazioni di questa transizione sono di vasta portata e hanno un impatto sulle fondamenta della nostra economia: come alimentiamo le nostre città, coltiviamo il nostro cibo e utilizziamo la nostra terra. Ci viene ricordato che la salute del nostro pianeta è profondamente intrecciata con la stabilità e la crescita economica. Non si tratta solo di ambiente; si tratta di garantire che gli ingranaggi della nostra economia – grandi e piccoli – continuino a girare in un mondo costretto a confrontarsi con le conseguenze sempre più accelerate del cambiamento climatico.

Gli Accordi di Parigi sono ancora validi. È importante ricordare che, nonostante la loro natura non vincolante, molti Paesi hanno inserito tali impegni sul clima all’interno delle loro legislazioni nazionali, che sono legalmente applicabili. Questo serve a ricordare che, nonostante qualche contraccolpo politico, c’è un livello di impegno che rimane forte ed è integrato nei quadri giuridici delle nazioni, che guida l’azione collettiva necessaria per un futuro sostenibile.

Contraccolpi politici e preoccupazioni di greenwashing

Più aspettiamo, più la situazione diventa difficile e politicamente controversa. Questa crescente pressione sulle politiche climatiche spiega in parte il contraccolpo ESG osservato negli Stati Uniti. Anche se gli effetti devastanti del cambiamento climatico diventano sempre più evidenti anno dopo anno, un vento anti-ESG ha iniziato a soffiare in gran parte del più grande mercato di investimento del mondo. Infatti, alcuni dei maggiori operatori e dei politici più influenti degli Stati Uniti hanno dichiarato di non essere disposti a compiere il prossimo passo verso il net zero. Mentre l’Europa ha incoraggiato e regolamentato gli investimenti sostenibili, negli Stati Uniti sono entrate in vigore misure concrete e proposte specifiche contro la sostenibilità. Tuttavia, nonostante questo contraccolpo, il mercato globale racconta una storia diversa: il denaro continua infatti a fluire verso gli investimenti focalizzati sull’ESG, offrendo una visione leggermente più sfumata della situazione. I risultati delle prossime elezioni saranno probabilmente cruciali per il futuro dell’ESG negli Stati Uniti.

Ma anche tra i sostenitori dell’ESG è essenziale distinguere tra il semplice greenwashing e gli attori realmente impegnati. La richiesta di pratiche e normative ESG solide e disciplinate rimane forte, soprattutto in Europa, dove gli investitori cercano approcci affidabili e conservativi senza eccessive promesse.

L’arma a doppio taglio dell’intelligenza artificiale

In mezzo a questi sviluppi, dobbiamo anche considerare il ruolo dell’IA generativa, il più grande fattore disruptive del 2023. I rischi associati richiedono la nostra attenzione. In primo luogo, l’IA pone sfide etiche cruciali. Mentre il suo impatto a lungo termine porterà senza dubbio a un aumento esponenziale della produttività in una moltitudine di settori, il quadro a breve termine appare molto più preoccupante. Le ricerche su Google di “il mio lavoro è a rischio” sono raddoppiate nei primi mesi dell’anno. Un’istruzione e una formazione adeguate saranno fondamentali per evitare di esacerbare le fratture sociali globali.

L’intelligenza artificiale amplifica anche le problematiche legate all’uso illecito dei dati personali, alla riproduzione non autorizzata dei contenuti e alla protezione dell’anonimato. Inoltre, consente di creare pubblicità, informazioni e prezzi altamente personalizzati per ogni utente. Per quanto riguarda la sicurezza informatica, l’IA consente la creazione di “deepfakes”, rendendo le frodi più convincenti e quindi più rischiose. Fortunatamente, l’IA ci aiuta anche a trovare metodi più avanzati per individuare questi media falsificati.

L’impatto ambientale dell’IA è un’altra preoccupazione pressante. Sebbene i principali attori dell’IA siano stati riluttanti a rilasciare dati, è noto che il consumo di energia e di acqua necessario per la produzione dell’hardware dell’IA, la creazione del modello, l’addestramento, l’aggiornamento e l’uso effettivo sia è notevole.

Nonostante i numerosi rischi, non dimentichiamo però che l’IA comporta anche notevoli opportunità. La “legge sull’intelligenza artificiale” dell’UE testimonia la necessità di un quadro normativo che ne bilanci i rischi e le opportunità, compreso l’impatto ambientale. Mentre Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Canada e India sono impegnati ad aggiornare i loro quadri normativi, lo sviluppo dell’IA generativa è così rapido che anche le autorità di regolamentazione più proattive sono in ritardo.

Evoluzione ESG: un ponte tra diritti umani e politiche per le energie rinnovabili

L’attuale panorama geopolitico complica ulteriormente il quadro per i fattori ESG, con i recenti eventi che hanno interessato le catene di fornitura e le restrizioni commerciali che hanno avuto un profondo impatto sulle azioni societarie in un mondo multipolare. Anche la dimensione dei diritti umani e una corretta due diligence della propria catena di fornitura sta diventando sempre più importante, in particolare in Asia dove molti Paesi cercano di promuovere un’agenda ESG attuabile: le aziende devono quindi assumersi la responsabilità dell’intera catena di fornitura, compresi i servizi esternalizzati, per garantire di non ignorare le questioni relative ai diritti umani. E qui stiamo già assistendo ad alcuni disinvestimenti da aziende coinvolte in questioni sociali, come evidenziato dall’Uyghur Forced Labour Prevention Act e dal CS3D.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!