Obbligazionario mercati emergenti: la view di M&G

Secondo Claudia Calich, Head of Emerging Markets Debt di M&G, le prospettive per le obbligazioni dei mercati emergenti restano promettenti, grazie a un contesto macroeconomico favorevole e a un continuo allentamento della politica monetaria, che sosterrebbe la classe d’investimento. Tuttavia, a fronte dell’incertezza in atto e della possibilità di una volatilità indotta dalle elezioni, dato che miliardi di persone in tutto il mondo avranno l’opportunità di votare, Calich ritiene che gli investitori dovranno essere selettivi per trovare opportunità interessanti.

Il 2023 si è rivelato un anno eccellente per le obbligazioni dei mercati emergenti (EM). Insieme a molti altri asset finanziari, hanno chiuso l’anno con un forte rally, mentre il mantra “higher for longer” ha rapidamente ceduto il passo alle aspettative di tagli dei tassi d’interesse da parte della maggior parte delle banche centrali dei mercati sviluppati entro la metà del 2024. I guadagni di novembre e dicembre hanno fornito i più alti rendimenti bimestrali combinati dell’indice del debito governativo JP Morgan EM dalla crisi finanziaria globale.

In questo contesto, Calich ritiene che ci siano diversi motivi per rimanere ottimisti sulle prospettive del debito e delle valute emergenti nel prossimo anno. Ecco di seguito la sua view nel dettaglio.

Dopo i rendimenti stellari dello scorso anno (i titoli di Stato emergenti in valuta locale e in valuta forte sono saliti rispettivamente del 13% e dell’11%), le opportunità in alcune aree dell’asset class, in particolare nei crediti high yield e distressed, si sono un po’ attenuate. Tuttavia, riteniamo che ci siano diversi motivi per rimanere ottimisti sulle prospettive del debito e delle valute emergenti nel prossimo anno, anche se prevediamo che nel 2024 il carry (reddito da cedola) avrà un ruolo maggiore rispetto all’apprezzamento del capitale.

Uno scenario macroeconomico favorevole

La tenuta delle economie in presenza di tassi più elevati ha sorpreso molti investitori lo scorso anno. Guardando al 2024, il nostro scenario macroeconomico di base è favorevole, in quanto l’inflazione si è ridotta nella maggior parte delle economie, le banche centrali hanno allentato la politica monetaria, o sembrano farlo presto, e la crescita economica, pur prevedendo un rallentamento in alcuni punti, potrebbe scongiurare una recessione. Mentre all’inizio del 2023 si prevedeva una recessione, alla fine dell’anno si è diffusa la convinzione che le principali economie si stiano dirigendo verso un “atterraggio morbido”, in cui l’inflazione si riduce senza danneggiare l’attività economica.

Detto questo, a nostro avviso, i mercati hanno già scontato questa eventualità e un’inflazione più “tenace” potrebbe indurre le banche centrali a tagliare i tassi molto meno di quanto attualmente previsto (i prezzi di mercato indicano attualmente più di 100 punti base di tagli negli Stati Uniti). Ciò provocherebbe probabilmente un aumento dei rendimenti obbligazionari. In alternativa, riteniamo che potrebbe portare a un rallentamento economico più marcato, con un conseguente allargamento degli spread e un calo dei titoli azionari, ma un ulteriore rally delle obbligazioni sovrane core. (Gli spread riflettono la differenza tra i rendimenti delle obbligazioni emergenti e i titoli di Stato USA equivalenti, o Treasury).

L’inflazione dei mercati emergenti ha iniziato a rallentare

Tuttavia, per il 2024 prevediamo un rallentamento della disinflazione, in quanto i fattori chiave non riescono a contribuire al livello del 2023. Ad esempio, è improbabile che i prezzi dell’energia e dei generi alimentari contribuiscano come l’anno scorso, mentre l’inflazione dei servizi è più stabile ai livelli attuali. Con la maggior parte dei mercati che prevedono tagli dei tassi da 100 a oltre 400 punti base, riteniamo che le opportunità saranno più selettive e dipendenti dai dati, rispetto al diffuso rally obbligazionario che abbiamo visto nel 2023.

Rendimenti elevati

I rendimenti dei mercati emergenti, nonostante il rally di fine anno 2023, rimangono elevati rispetto ai massimi raggiunti durante il sell-off del 2020; tuttavia, i livelli degli spread non sono storicamente così elevati a causa del movimento dei Treasury USA sottostanti. Tuttavia, con spazio per un’ulteriore compressione degli spread, riteniamo che il debito emergente offra un potenziale di rialzo nel breve termine, in particolare con i tassi USA che dovrebbero scendere al 3,6% entro la fine del 2025.

All’interno degli stessi Paesi emergenti vi è anche una significativa dispersione dei rendimenti tra i nomi investment grade (IG) e high yield (HY), in particolare nello spazio sovrano in valuta forte, che crea potenziali opportunità per gli investitori. Sebbene i rischi di coda non possano essere eliminati in un portafoglio emergente, la diversificazione è importante per gestire i potenziali ribassi.

Opportunità per le obbligazioni in valuta locale

Per quanto riguarda il mercato delle valute locali, vediamo molte opportunità interessanti, anche su base carry. Ad esempio, la maggior parte delle obbligazioni in valuta locale ha sottoperformato il recente rally dei Treasury statunitensi. I titoli di Stato messicani in valuta locale (Bonos), che tendono a essere altamente correlati con i rendimenti statunitensi dato lo stretto legame tra le due economie, non solo rendono oltre il 5% in più rispetto agli analoghi Treasury statunitensi, ma presentano anche una volatilità storica dei rendimenti inferiore, dato che la volatilità dei Treasury statunitensi è stata molto elevata negli ultimi sei mesi.

In effetti, è notevole che il rendimento del Tesoro USA a 10 anni abbia chiuso l’anno al 3,9%, quasi esattamente al livello di inizio anno, nonostante le forti oscillazioni registrate nella seconda metà dell’anno.

Con entrambi i Paesi alle prese con le elezioni quest’anno, prevedere le elezioni statunitensi e la loro conseguente posizione politica è probabilmente più difficile che prevedere l’esito delle elezioni messicane.

Fondamentali aziendali solidi

Per quanto riguarda il debito societario emergente, riteniamo che i fondamentali societari siano in buone condizioni. Le società di questi Paesi hanno un debito molto inferiore rispetto alle loro controparti dei mercati sviluppati, sia nel segmento IG che in quello HY. Questa resistenza ha probabilmente aiutato le aziende nei Paesi emergenti, anche se le inadempienze previste sono in aumento, in particolare per gli emittenti più indebitati, come ci aspetteremmo in questa fase del ciclo.

Ciononostante, si prevede che le inadempienze delle società HY finiranno nel 2023 a circa il 3%, escludendo quelle in Russia, Ucraina e nel settore immobiliare cinese. Per il 2024, secondo JP Morgan, le inadempienze dovrebbero essere generalmente più basse, riflettendo probabilmente i solidi fondamentali sottostanti.

In termini di spread, il debito societario dei mercati emergenti è attualmente più stretto (con uno spread inferiore) rispetto ai titoli di Stato. Tuttavia, con la prospettiva di tassi d’interesse più bassi e un contesto macroeconomico sano, vediamo un potenziale vento di coda per l’asset class.

Un anno di elezioni

Il 2024 è stato descritto come uno degli anni più importanti per le elezioni, con miliardi di persone in 50 Paesi che avranno diritto al voto. Bangladesh, Indonesia e Taiwan si sono già recati alle urne, ma le prossime elezioni degne di nota includono Sudafrica, Messico, India e, naturalmente, Stati Uniti e Regno Unito.

Le elezioni sono spesso fonte di volatilità, in quanto gli investitori possono essere nervosi per i cambiamenti politici. Tuttavia, possono anche creare opportunità di investimento. Sebbene le elezioni tendano ad avere una connotazione negativa e potenziali rischi di ribasso, possono anche avere esiti positivi. Infatti, le recenti elezioni in Turchia, Polonia e Argentina hanno dato luogo a un successivo rialzo dei prezzi degli asset, grazie a risultati che hanno portato a un miglioramento della politica economica.

Nel frattempo, le principali questioni geopolitiche (Russia-Ucraina, Medio Oriente e Cina-Taiwan) rimangono irrisolte e, a nostro avviso, la campagna presidenziale statunitense non contribuisce ad alleviare l’incertezza su questo fronte.

C’è da essere ottimisti?

Nonostante alcune incertezze, riteniamo che il quadro generale sia ancora favorevole a una buona performance dei mercati emergenti nel 2024. Le economie si sono dimostrate sorprendentemente resilienti e sono state ampiamente in grado di adattarsi alla storia dell’inflazione e poi all’aumento dei tassi di interesse.

Con la Federal Reserve che dovrebbe tagliare i tassi nel 2024, abbiamo motivo di essere ottimisti per i mercati emergenti. Ciò avverrà soprattutto se il dollaro USA non si rafforzerà ulteriormente e se l’avversione al rischio rimarrà contenuta.

Anche se i rendimenti a due cifre registrati nel 2023 potrebbero non essere replicati nel 2024, a nostro avviso il debito dei mercati emergenti offre ancora opportunità interessanti, soprattutto per gli investitori che devono affrontare il rischio di reinvestimento delle obbligazioni a breve scadenza. Anche se i rendimenti dovessero convergere verso la media di lungo periodo (a una cifra medio-alta), riteniamo che l’asset class non debba essere trascurata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!