Investimenti: ecco i venti errori più comuni da evitare

Dalle decisioni di investimento guidate emotivamente al pagamento eccessivo delle commissioni, ecco alcuni errori che gli investitori comunemente commettono secondo il Cfa Institute.

1. Aspettarsi troppo

Avere aspettative di rendimento ragionevoli aiuta gli investitori a mantenere una visione a lungo termine senza reagire emotivamente.

2. Nessun obiettivo di investimento

Spesso gli investitori si concentrano sui rendimenti a breve termine o sull’ultima mania degli investimenti invece che sui loro obiettivi di investimento a lungo termine.

3. Non diversificare

Diversificare impedisce che un singolo titolo abbia un impatto drastico sul valore del tuo portafoglio.

4. Concentrarsi sul breve termine

È facile concentrarsi sul breve termine, ma ciò può indurre gli investitori a riconsiderare la loro strategia originale e a prendere decisioni imprudenti.

5. Acquistare a un prezzo alto e vendere a un prezzo basso

Il comportamento degli investitori durante le oscillazioni del mercato spesso ostacola la performance complessiva.

6. Fare troppo trading

Uno studio mostra che i trader più attivi hanno sottoperformato il mercato azionario statunitense del 6,5% in media ogni anno.

7. Pagare troppo in tasse

Le commissioni possono avere un impatto significativo sulla performance complessiva del tuo investimento, soprattutto nel lungo periodo.

8. Concentrarsi troppo sulle tasse

Sebbene la raccolta delle perdite fiscali possa incrementare i rendimenti, non sempre è opportuno prendere una decisione basata esclusivamente sulle conseguenze fiscali.

9. Non rivedere regolarmente gli investimenti

Rivedi il tuo portafoglio trimestralmente o annualmente per assicurarti di rimanere sulla buona strada o se il tuo portafoglio ha bisogno di ribilanciamento.

10. Rischio di malintesi

Troppi rischi possono portarti fuori dalla tua zona di comfort, ma un rischio troppo basso può comportare rendimenti inferiori che non raggiungono i tuoi obiettivi finanziari. Riconosci il giusto equilibrio per la tua situazione personale.

11. Non conoscere la tua prestazione

Spesso gli investitori non conoscono effettivamente la performance dei loro investimenti. Controlla i tuoi rendimenti per verificare se stai raggiungendo i tuoi obiettivi di investimento tenendo conto delle commissioni e dell’inflazione.

12. Reazione ai media

Le notizie negative a breve termine possono scatenare la paura, ma ricorda di concentrarti sul lungo termine.

13. Dimenticare l’inflazione

Storicamente, l’inflazione è stata in media del 4% annuo. Valore di 100 dollari con inflazione annua del 4%: dopo 1 anno 96 dollari, dopo 20 anni 44 dollari.

14. Cercare di cronometrare il mercato

Il market timing è estremamente difficile. Rimanere nel mercato può generare rendimenti molto più elevati rispetto al tentativo di cronometrare
perfettamente il mercato.

15. Non eseguire la dovuta diligenza

Controlla le credenziali del tuo consulente attraverso siti come BrokerCheck, che mostra la loro storia lavorativa e i reclami.

16. Lavorare con il consulente sbagliato

Vale la pena prendersi il tempo per trovare il consulente giusto. Controlla attentamente il tuo consulente per assicurarti che i tuoi obiettivi siano allineati.

17. Investire con le emozioni

Anche se può essere impegnativo, ricorda di rimanere razionale durante le fluttuazioni del mercato.

18. A caccia di rendimento

Gli investimenti ad alto rendimento spesso comportano il rischio più elevato. Valuta attentamente il tuo profilo di rischio prima di investire in questo tipo di asset.

19. Trascurare di iniziare

Consideriamo due persone che investono 200 dollari al mese ipotizzando un tasso di rendimento annuo del 7% fino all’età di 65 anni. Se una persona iniziasse a 25 anni, il suo portafoglio finale sarebbe di 520.000 dollari, ma se l’altra iniziasse a 35 anni il totale sarebbe di circa 245.000 dollari.

20. Non controllare ciò che puoi

Sebbene nessuno possa prevedere il mercato, gli investitori possono controllare piccoli contributi nel tempo, il che può avere risultati importanti.

Ad esempio, non diversificare adeguatamente può esporre a rischi più elevati. Mantenere una posizione concentrata può avere un impatto drastico sul valore del tuo portafoglio quando i prezzi fluttuano.

Infatti, uno studio mostra che la diversificazione ottimale per un portafoglio a grande capitalizzazione è detenere 15 titoli. In questo modo, aiuta a ottenere il massimo rendimento possibile rispetto al rischio. Quando si trattava di un portafoglio a piccola capitalizzazione, il numero di azioni saliva a 26 per una riduzione ottimale del rischio.
Vale la pena notare che non esiste una soluzione valida per tutti e richiedere una consulenza finanziaria può aiutarti a trovare il giusto equilibrio in base ai tuoi obiettivi finanziari.

Un altro errore comune è fare trading eccessivo. Poiché ogni operazione può aumentare le commissioni, ciò può influire sulla performance complessiva del tuo portafoglio. Uno studio separato ha dimostrato che i trader più attivi hanno ottenuto i rendimenti peggiori, sottoperformando il mercato azionario statunitense del 6,5% in media all’anno.

Infine, è importante monitorare attentamente e regolarmente i propri investimenti man mano che le condizioni di mercato cambiano, tenendo conto delle commissioni e dell’inflazione. Ciò ti consentirà di sapere se i tuoi investimenti sono sulla buona strada o se è necessario apportare modifiche in base al cambiamento delle circostanze personali o di altri fattori.

Controllare ciò che puoi

Per evitare questi errori, gli investitori possono ricordarsi di rimanere razionali e concentrarsi sui propri obiettivi a lungo termine. Costruire un portafoglio solido spesso implica valutare i seguenti fattori:

  • Obiettivi finanziari
  • Reddito corrente
  • Abitudini di spesa
  • Ambiente di mercato
  • Rendimenti attesi

Tenendo presenti questi fattori, gli investitori possono evitare di concentrarsi sulle oscillazioni del mercato a breve termine e controllare ciò che possono. Fare piccoli investimenti nel lungo periodo può avere effetti potenti, con la possibilità di accumulare una ricchezza significativa semplicemente investendo in modo coerente nel tempo.

A cura di Alfred Hoffmann, ad e fondatore di Avalon Investment Research

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!