Venti lezioni da vent’anni di gestione del denaro

Quante e soprattutto quali lezioni si possono trarre da un’esperienza lavorativa ventennale nel mondo della gestione del denaro? Ecco di seguito l’opinione di Alfred Hoffmann, ad e fondatore di Avalon Investment Research, che inizia precisando come “più si lavora nel settore della gestione del denaro, più c’è da imparare, ma quello che illustro di seguito sono alcune delle cose più importanti che ho imparato finora”.

1. Le esperienze modellano la tua percezione del rischio

La tua capacità e necessità di assumerti rischi dovrebbero basarsi sulla tua fase della vita, sull’orizzonte temporale, sulle circostanze finanziarie e sugli obiettivi.
Ma il tuo desiderio di correre rischi spesso prevale su tutto ciò, a seconda delle tue esperienze di vita. Se hai lavorato presso Enron o Lehman Brothers o AIG o hai investito con Madoff, la tua propensione al rischio sarà alterata per sempre.
E va bene finché pianifichi di conseguenza.

2. L’intelligenza non garantisce il successo degli investimenti

Warren Buffett una volta scrisse: “Investire non è un gioco in cui il ragazzo con un QI di 160 batte quello con un QI di 130. Una volta che hai un’intelligenza ordinaria, ciò di cui hai bisogno è il temperamento per controllare gli impulsi che mettono nei guai altre persone nell’investire”.
Ho incontrato così tante persone altamente istruite che sono pessimi investitori. Non riescono a controllare le proprie emozioni perché il loro pedigree accademico li rende eccessivamente sicuri delle proprie capacità.
L’intelligenza emotiva è il vero segno dell’intelligenza negli investimenti.

3. Nessuno vive la vita a lungo termine

I rendimenti a lungo termine sono gli unici che contano, ma per arrivarci è necessario sopravvivere a una serie di periodi a breve termine.
La buona strategia a cui puoi attenerti in questi brevi termini è preferibile alla strategia perfetta a cui non puoi attenerti.

4. L’unica domanda del cliente che conta è: “Starò bene?”

Ogni situazione è unica in quanto ognuno ha le proprie paure e desideri.
La risposta che tutti cercano è la stessa, però: dimmi solo che starò bene.

5. Non è mai stato così facile o difficile impostarlo e dimenticarlo

Gli investitori non si sono mai trovati meglio in termini di capacità di automatizzare investimenti, contributi, allocazioni, ribilanciamento e reinvestimento dei dividendi.
Ma non c’è mai stata così tanta tentazione di armeggiare con il tuo portafoglio “imposta e dimentica” a causa di tutti i nuovi prodotti di investimento, fondi, piattaforme di trading a commissione zero e opportunità di trading.
Ogni giorno diventa sempre più difficile evitare il nuovo frutto proibito.

6. I ricchi odiano pagare le tasse più di quanto preferiscano guadagnare di più

Sto scherzando solo a metà, ma più soldi le persone hanno più cercano modi per evitare di pagare lo Zio Sam.

7. Diventare ricchi da un giorno all’altro è una maledizione, non una benedizione

Sono convinto che le persone che accumulano ricchezza lentamente nel corso della loro carriera siano molto più attrezzate a gestire il denaro rispetto a coloro che vi entrano facilmente.
Significa di più per coloro che hanno acquisito ricchezza attraverso la pazienza e la disciplina.

8. Investire è difficile

Paradossalmente, arrivare a questa realizzazione può renderlo un po’ più semplice.

9. I rischi maggiori sono sempre gli stessi…ma diversi

Il rischio successivo raramente è uguale all’ultimo rischio perché ogni contesto di mercato è diverso.
D’altro canto, gli errori più grandi commessi dagli investitori sono spesso gli stessi: timing del mercato, pregiudizi legati al passato, paura quando gli altri sono timorosi e avidi quando gli altri sono avidi e investimento nelle ultime mode passeggere.
È sempre un mercato diverso, ma la natura umana è la costante.

10. Al mercato non interessa quanto sei intelligente

Non esiste un alfa per il grado di difficoltà quando si investe.
Impegnarsi di più non garantisce maggiori profitti.

11. Un prodotto non è un portafoglio e un portafoglio non è un piano

Più lo faccio, più mi rendo conto che la finanza personale e la pianificazione finanziaria sono prerequisiti per investire con successo.

12. Pensare troppo può essere altrettanto debilitante quanto non pensare affatto

Investire implica un’incertezza irriducibile riguardo al futuro.
Devi abituarti a prendere decisioni di investimento con informazioni imperfette.

13. Il rischio di carriera spiega la maggior parte delle decisioni irrazionali nel settore degli investimenti

Ci sono un sacco di sciocchezze che accadono nel settore degli investimenti. La maggior parte di ciò può essere spiegata dagli incentivi.

14. Non esiste un portafoglio perfetto

Il portafoglio migliore è quello a cui puoi restare fedele in ogni caso, non quello più ottimizzato per formule o fogli di calcolo stupidi.

15. Sono le nostre emozioni a essere truccate, non il mercato azionario

Il mercato azionario è una delle ultime istituzioni rispettabili. Non è truccato contro di te o di chiunque altro.
Gli Illuminati non vogliono prenderti, ma le tue emozioni potrebbero esserlo se non sai come controllarle.

16. L’esperienza non è la stessa cosa della competenza

Solo perché fai qualcosa da molto tempo non significa che sei un esperto.
Conosco molti investitori esperti che combattono costantemente l’ultima guerra a proprio danno.
Quante persone che hanno “chiamato” il crollo del 2008 si sono completamente perse il conseguente mercato rialzista? Tutti loro?
Quante leggende degli investimenti diventano permanenti man mano che invecchiano perché non riescono a riconoscere come i mercati sono cambiati nel tempo?
Molti professionisti degli investimenti che operano nel settore da molti anni commettono sempre gli stessi errori.

17. Avere sempre ragione è sopravvalutato

Guadagnare è più importante che avere ragione sul mercato.
Le previsioni riguardano più l’ego che il guadagno.

18. C’è una grande differenza tra ricchi e benestanti

Molte persone ricche sono infelici. Queste persone non sono ricche, indipendentemente da quanti soldi abbiano.
Ci sono molte persone che non sarebbero considerate ricche in base all’entità del loro patrimonio netto e che sono ricche oltre ogni immaginazione a causa della loro famiglia, dei loro amici e della soddisfazione generale per ciò che hanno.

19. L’ottimismo dovrebbe essere il tuo valore predefinito

Mi rattrista vedere ogni anno un numero crescente di persone ciniche e pessimiste.
Capisco che il mondo possa essere un luogo spietato e che le cose non saranno mai perfette, ma investire è un gioco in cui vincono gli ottimisti.

20. Meno è di più

Nel corso degli anni ho cambiato idea su molti argomenti legati agli investimenti. Ma non mi convincerai mai che il complesso sia meglio del semplice.
Molti investitori presumono che complicato significhi sofisticato quando la semplicità è la vera forma di sofisticazione quando si tratta di successo negli investimenti.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!