Investimenti, Cina: ecco come beneficiare della trasformazione a lungo termine

“Attualmente in Cina stiamo trovando un gran numero di aziende di successo che hanno un enorme potenziale a lungo termine. Se riusciremo ad investire a un prezzo vantaggioso, sfrutteremo queste opportunità. Siamo convinti che il mercato cinese attualmente presenti delle valutazioni piuttosto interessanti”. Ad affermarlo è Baijing Yu, Portfolio Manager di Comgest, che di seguito illustra le ragioni dettagliate del posizionamento.

Se si guarda alle valutazioni medie del mercato azionario in Cina, queste sono ai minimi da 15 anni, con un rapporto prezzo/utili compreso tra nove e dieci.

Naturalmente, ci sono dei motivi per cui il mercato è così a buon mercato. La politica interna e la geopolitica in particolare. Le elezioni negli Stati Uniti di quest’anno non stanno facilitando le cose e molte dichiarazioni fatte durante la campagna elettorale americana stanno avendo un impatto su alcuni titoli azionari cinesi. Le decisioni politiche sono generalmente difficili da prevedere.

Tuttavia, la Cina rimane la seconda economia mondiale con ampie opportunità di crescita attraverso i consumi, l’urbanizzazione e una migliore industrializzazione. Le relazioni tra Stati Uniti e Cina rimarranno probabilmente tese anche in futuro. D’altro canto, le sanzioni statunitensi creano anche nuove opportunità.

L’elenco delle sanzioni statunitensi ha cambiato l’intero contesto dell’industria cinese dei chip e dei semiconduttori. In particolare, l’industria dei semiconduttori era poco competitiva. Se gli Stati Uniti non fossero stati così severi nelle loro restrizioni commerciali, il governo cinese e l’industria nazionale dei semiconduttori non sarebbero stati in grado di indirizzare le risorse e la concentrazione in questa direzione in così poco tempo.

Così come le aziende statunitensi o europee stanno pensando alle sanzioni e alla sicurezza della catena di approvvigionamento, anche le aziende cinesi devono fare lo stesso. Questo apre anche opportunità di business per le soluzioni nazionali. C’è ancora molta strada da fare prima di poter competere con i leader del mercato globale, ma stanno già facendo progressi, soprattutto nei processi dei nodi maturi. Questo è solo un esempio, e ci sono altri settori industriali avanzati che beneficeranno della domanda di sostituzione interna. A lungo termine, ciò andrà a vantaggio anche degli investitori.

Tuttavia, il modello economico cinese nel suo complesso sembra essere sempre più messo in discussione, come dimostrano i dati economici. La Cina dovrà subire una profonda trasformazione nei prossimi uno o due decenni. I giorni in cui era il calderone da cui attingere lavoro a basso costo sono finiti: la Cina si sta trasformando in un’economia sempre più guidata dalla ricerca e dallo sviluppo, in cui ingegneri altamente qualificati progettano prodotti di alta qualità, ad esempio nel campo dell’automazione e della robotica. Le aziende beneficiano anche di un mercato interno molto ampio e dinamico. Da questa posizione di forza, si espandono poi sui mercati internazionali.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare, esso rappresenta un’ampia fetta del PIL cinese. Tuttavia, il Governo si è reso conto fin da subito che il debito nel settore immobiliare è troppo elevato e che la futura crescita del PIL deve provenire da settori con un valore aggiunto più elevato. Dal 2014, ha ripetutamente cercato di frenare gradualmente e con cautela il boom immobiliare. I rischi sono stati gestiti in questo modo, ma poi è arrivato uno shock imprevedibile con la pandemia di Covid. Tuttavia, l’aggiustamento del mercato immobiliare è un male necessario che la Cina deve digerire nell’ambito della trasformazione verso un’economia maggiormente guidata dalla produttività. Siamo fiduciosi che la trasformazione avrà successo, ma ci vorrà tempo e non c’è modo di evitarlo.

Investiamo nell’intero processo di trasformazione dell’economia cinese verso una maggiore domanda interna e prodotti di valore superiore. Puntiamo soprattutto nel settore dei beni di consumo. Ciò comprende un’ampia gamma di settori, dagli alimenti di base all’abbigliamento sportivo e alla sanità, in pratica tutto ciò per cui le persone spendono denaro nella loro vita quotidiana.

Ma ci interessano anche in settori come l’automazione, le energie rinnovabili, l’accumulo di energia e le auto elettriche. Anche l’intelligenza artificiale è un tema importante. Si tratta di un settore relativamente giovane che stiamo osservando da vicino e nel quale siamo ancora alla ricerca di investimenti di crescita di qualità a lungo termine. L’importante è investire senza vincoli di indice e a lungo termine. Per noi sono particolarmente importanti la qualità e la prevedibilità della crescita degli utili.

Volendo addurre qualche esempio, il produttore di articoli sportivi Anta detiene oggi in Cina una quota di mercato superiore al 20% in Cina. Il gruppo investe nei suoi marchi e ha un’organizzazione di vendita visionaria che ha puntato molto sulla vendita diretta e sull’online fin dall’inizio. Probabilmente conoscete Fila, Wilson o Salomon: appartengono tutti, direttamente o indirettamente, ad Anta. Il punto di partenza è stato Fila: Anta ha acquistato il produttore di articoli sportivi circa dieci anni fa, quando il marchio era passato di moda in Europa e negli Stati Uniti, per poi riposizionarlo con successo sul mercato cinese. Anta possiede ora anche i marchi Wilson e Salomon, tra gli altri, attraverso l’investimento nel gruppo sportivo finlandese Amer. Ci piacciono particolarmente i titoli con una strategia di crescita a lungo termine e una storia di M&A di successo.

Un altro esempio è Inovance, azienda che produce componenti per l’industria dell’automazione. Inovance è un concorrente diretto della giapponese Yaskawa. Riteniamo che l’azienda aumenterà significativamente la sua quota di mercato in Cina e che un giorno potrebbe espandersi oltre. Con un rapporto P/E di 25, Inovance ha una valutazione relativamente alta per gli standard cinesi e stiamo utilizzando le correzioni per costruire la nostra posizione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!