Usa: ecco perché l’incertezza elettorale non allontanerà gli investitori

Tutto ciò che riguarda gli Stati Uniti è grande: il suo mercato, la sua economia e le aziende che vi hanno sede. Inoltre, continua a confondere le aspettative degli investitori. Molti prevedevano che il Paese sarebbe entrato in recessione nel 2023, ma questo non si è mai verificato. Invece, secondo il Tesoro statunitense, ha registrato una crescita economica superiore alla media nei 12 mesi, grazie alla “crescita della produzione economica, alla tenuta del mercato del lavoro e al rallentamento dell’inflazione”.

In questo scenario, ecco di seguito la view in termini di investimenti di Chris Iggo, Chief Investment Officer di AXA IM Core.

Il contesto più solido del previsto si è tradotto in forti rendimenti del mercato azionario nel 2023, con l’S&P 500 in rialzo del 26%, il Dow Jones in vantaggio del 17% e il Nasdaq, che fa leva sulla tecnologia, in rialzo di un significativo 45%, grazie alla ben documentata ascesa dell’intelligenza artificiale generativa. Lo slancio si è riversato anche nel 2024, con ciascuno di questi indici che ha raggiunto nuovi massimi.

È lecito aspettarsi un certo nervosismo dei mercati prima e forse dopo le elezioni. Eppure, nonostante l’importanza globale delle elezioni presidenziali, gli Stati Uniti sono stati a lungo considerati troppo grandi per essere ignorati dagli investitori. Ed è facile capire perché: il suo prodotto interno lordo (PIL) è valutato in quasi 28 mila miliardi di dollari. Per mettere questo dato in prospettiva, la seconda economia più grande del mondo, la Cina, vanta un PIL di oltre 18 mila miliardi di dollari, inferiore di oltre un terzo.

Il dollaro USA è la valuta più utilizzata al mondo e, pertanto, qualsiasi modifica della politica monetaria statunitense da parte della sua banca centrale, la Federal Reserve, avrà un impatto significativo sullo scenario finanziario globale. Ma è anche la sede di alcune delle aziende leader a livello mondiale, in una serie di settori diversi: dai servizi professionali, all’industria manifatturiera e all’agricoltura, alla sanità, all’immobiliare, ai servizi finanziari e, naturalmente, alla tecnologia – che è stata uno dei principali motori dei recenti rendimenti del mercato azionario.

Driver di mercato e valutazioni

Per quanto riguarda la quota di mercato, gli Stati Uniti rappresentano circa il 60% del mercato azionario globale e hanno un valore di 50,8 trilioni di dollari. La maggior parte delle 10 aziende più grandi del mondo hanno sede qui, compresi molti dei giganti tecnologici del mondo – Alphabet (Google) Amazon, Apple, Meta Platforms (Facebook), Microsoft e Nvidia – che hanno tutti un valore superiore a mille miliardi di dollari. Nella top 10 globale ci sono anche il gruppo di investimento Berkshire Hathaway di Warren Buffett e l’azienda farmaceutica Eli Lilly.

Anche il mercato obbligazionario globale è dominato dagli Stati Uniti, con una dimensione di circa 51,3 trilioni di dollari – la Cina, il secondo più grande mercato del fixed income, è meno della metà, con 20,9 trilioni di dollari. Naturalmente, dato che sia i mercati obbligazionari che azionari degli Stati Uniti hanno goduto di una buona corsa, le valutazioni hanno continuato a salire. I rapporti price-to-earnings delle azioni statunitensi – che misurano il prezzo delle azioni di una società in relazione ai suoi utili per azione – sono ai massimi da due anni.

Non c’è molto a buon mercato – sia per le azioni sia per le obbligazioni – e ciò significa che ci sono rischi per le valutazioni attuali che devono essere presi in considerazione. Tuttavia, a nostro avviso, la performance è guidata da un’economia solida, da bilanci sani e dalla redditività aziendale. Si prevede che gli utili cresceranno anche nel 2024, poiché la crescita del PIL statunitense continua a sfidare le precedenti aspettative. Inoltre, i tassi di interesse dovranno scendere prima o poi. Se ciò sarà determinato dal calo dell’inflazione, i tassi più bassi saranno positivi per le azioni e le obbligazioni. Per il momento, è probabile che qualsiasi battuta d’arresto dei livelli di mercato venga accolta da una risposta ‘buy-on-dips’.

In sintesi

Naturalmente, come nel caso di qualsiasi mercato, gli Stati Uniti non si muovono in linea retta – possono muoversi sia al ribasso che al rialzo, e lo faranno. Oltre ai tassi di interesse più bassi e alla crescita globale più equilibrata, tra i driver secolari della performance del mercato azionario rimangono l’automazione, la digitalizzazione e la transizione green. Ma bisogna anche notare che, oltre alla tecnologia, i settori industriali e finanziari hanno tutti registrato solidi rendimenti totali finora quest’anno.

Chiaramente, non sarebbe saggio credere che le solide performance degli ultimi tempi continueranno ininterrottamente. Pochi sarebbero sorpresi se il mercato azionario statunitense attraversasse un periodo di aggiustamento, soprattutto perché gran parte del recente rally è stato guidato principalmente dal settore tecnologico. Ma nel lungo termine, data la diversità dei settori e l’ampiezza dell’innovazione offerta, riteniamo che gli Stati Uniti siano un mercato da non ignorare. Nemmeno le imminenti elezioni dovrebbero offuscare il suo fascino a lungo termine. Persino il Presidente della Fed, Jerome Powell, ha affermato che la riunione politica di novembre della banca centrale, che si terrà il giorno successivo alle elezioni, non influenzerà alcuna decisione sui tassi di interesse.

Questo non significa sminuire il potenziale di risultati politici diversi a seconda di chi vincerà a novembre. Torneremo su questo tema nel corso dell’anno. Tuttavia, le aziende sono resistenti e in buona forma, e l’economia statunitense si presenta al periodo elettorale in una posizione molto forte, il che dovrebbe sostenere i rendimenti degli investitori in qualsiasi periodo di incertezza politica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!