Quel baco che potrebbe affossare i PIR

A
A
A
di Redazione 13 Febbraio 2017 | 10:26

Fatta la legge, trovato il refuso.
Nello specifico la legge è quella di Bilancio 2017 che ha istituito tra le altre cose i Piani Individuali di Risparmio o PIR.
Il refuso invece, causato dal rimando a un comma sbagliato, è di quelli potenzialmente in grado di affossare lo strumento appena nato.
A segnalarlo è un articolo di Plus, il settimanale del Sole24Ore, firmato da Federica Pezzati e pubblicato sabato scorso.

Ecco il baco: per avere la detassazione sui capital gain realizzati permanendo nell’investimento per almeno 5 anni i PIR dovrebbero investire solo in azioni.
Cosa che va contro la reale intenzione del legislatore, per il quale invece il 70% del capitale dei Pir dovrebbe essere investito in strumenti finanziari, anche obbligazioni, di aziende italiane quotate (di tale 70%, il 30% dovrà essere rappresentato da aziende non presenti nell’indice principale FTSE Mib).
L’intervento correttivo potrebbe essere rapido e passare da un emendamento inserito in un’altra legge di prossima approvazione.
Ma siamo in Italia…

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pir, la Camera suggerisce al Governo ulteriori modifiche

NEWSLETTER
Iscriviti
X