Cinque nuove professioni digitali nel settore automobilistico

A
A
A
di Luca Spoldi 13 Marzo 2019 | 10:53

Settore auto: col digitale emergono nuove professioni

Il digitale ha radicalmente cambiato il mondo in cui viviamo, creando per i consumatori nuove esigenze e nuovi bisogni, a cui le aziende sono tenute a rispondere. Questo cambio di paradigma ha coinvolto anche il settore automobilistico, complice una forte settorialità che da sempre contraddistingue questa industrie e che richiede figure specializzate che, pur “digital” abbiano competenze specifiche del settore. Le opportunità professionali pertanto non mancano, anzi: secondo un’indagine il 75% dei concessionari italiani ha dichiarato di voler aumentare il numero di persone impiegate nell’area web e digital all’interno della propria azienda.

MotorK segnala 5 nuove professioni

MotorK, azienda leader in Europa nel digital automotive, ha individuato in particolare cinque nuove professioni da tenere d’occhio se si è interessati a trovare un lavoro in questo settore. La prima è il customer advisor: è un consulente supra partes che aiuta i futuri acquirenti di una vettura a supportare il processo decisionale in modo neutrale. Il customer advisor aiuta l’utente, via telefono, email e chat, a trovare l’auto perfetta per le sue egisenze. C’è poi la figura dell’automotive digital manager, che all’interno di una concessionaria coordina tutti i processi digitali e le figure che se ne occupano: dal social media manager al Crm manager, fino al campaign manager. E’ dunque un esperto digitale che conosce a fondo le specificità del settore automotive.

Ce n’è per tutti i gusti in base alle competenze

Il car influencer è invece un rappresentante della nuova generazione di test-driver, in grado di costruire uno “storytelling”, visivo e non solo, dell’auto, raccontando agli utenti le ultime tendenze nel mondo dei motori, chiarendo dubbi comuni con recensioni e guide all’acquisto. Il Bdc (Business development center) manager è invece responsabile del team di persone che in concessionaria si occupa di comunicare con il cliente durante il processo di acquisto. Deve sapere portare avanti un’attività strutturata di follow-up prima della vendita dell’auto, durante la negoziazione e dopo aver concluso la vendita, per fidelizzare il cliente.

Per quale lavoro vi sentite portati?

Ultimo ma non per importanza, lo small data analyst utilizza i dati raccolti dalle piattaforme dei concessionari che contengono i dati di vendita del cliente e le performance delle vendite, per creare modelli predittivi del comportamento degli utenti per migliorare il servizio e ottimizzare le risorse disponibili. Deve conoscere bene le dinamiche verticali del settore ed essere in grado di intravedere trend e “insights” nella mole di dati disponibile alle concessionarie. E voi da quali professioni vi sentite attratti come possibile futura prospettiva lavorativa?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Auto, ecco come crescerà la domanda mondiale

Automotive, l’evoluzione del modello distributivo sarà la chiave per recuperare marginalità

Il fund manager Gabrielli: “Ripensare i portafogli in funzione della mobilità elettrica”

NEWSLETTER
Iscriviti
X