Zardetto (prosecco) in crisi, business piace ad investitore

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Giugno 2019 | 11:12

Zardetto, via libera a concordato preventivo

La crisi di cui nessuno sembra voler parlare ma che continua a mietere vittime ha colpito un’altra eccellenza italiana. Zardetto, azienda spumantistica trevigiana specializzata nella produzione di Prosecco Doc e Docg, ha visto accolta la sdomanda di concordato preventivo presentata lo scorso anno al Tribunale di Treviso.

Esiste già un investitore pronto a subentrare

Secondo quanto segnalato dallo studio Zara&Partners, che assiste la società per gli aspetti finanziari e fiscali, il piano concordatario “in continuità indiretta” prevede esplicitamente la cessione dell’azienda in esercizio ad un investitore (di cui non è stata rivelata l’identità), che avrebbe già presentato un’offerta formale di acquisto.

3,7 milioni di debiti su 7 milioni di ricavi

La completa realizzazione del concordato è stimata in 12 mesi dall’omologa. L’udienza dei creditori è stata fissata per il 17 ottobre a Treviso. Zardetto aveva chiuso il 2017 con circa 7 milioni di ricavi, in lieve crescita rispetto all’esercizio precedente, e un Ebitda di oltre 400 mila euro. Sui conti del gruppo pesava tuttavia un debito finanziario di circa 3,7 milioni di euro.

I problemi sono nati a fine 2017

Dopo la scarsa vendemmia 2017 e il conseguente aumento dei prezzi delle uve Glera necessarie per la produzione di Prosecco, con prezzi d’acquisto saliti anche sopra i 2 euro al litro (senza possibilità di aumentare i prezzi alla vendita data l’elevata concorrenza), i primi problemi, che sono poi sfociati nella richiesta dello scorso anno di concordato preventivo in continuità indiretta. Creditori permettendo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Eurozona, la contrazione del quarto trimestre sarà modesta

Covid-19, perché i governi devono sostenere l’economia aumentando il debito

Triodos IM, un white paper sull’evoluzione degli investimenti Esg in un mondo post-Covid

NEWSLETTER
Iscriviti
X