Inflazione ferma ad aprile, guanti e mascherine ancora cari

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Aprile 2020 | 16:27

Inflazione non cala in marzo

L’inflazione italiana ha sorpreso le attese ad aprile segnando secondo l’Istat un incremento dello 0,1% su marzo (stabile rispetto a marzo stesso, ma il consenso si attendeva una variazione di -0,2%), ovvero rimanendo invariata sui 12 mesi (da +0,1% di fine marzo e contro attese pari a -0,2%). L’azzeramento dell’inflazione, spiega l’Istat, “è imputabile prevalentemente alla dinamica dei prezzi dei beni energetici”, che amplificano la loro flessione sia nella componente regolamentata (da -9,4% a -13,9%) sia in quella non regolamentata (da -2,7% a -7,6%)”.

Aumentano i prezzi degli alimentari

Questa dinamica è “in parte compensata dall’accelerazione dei prezzi dei beni alimentari (da +1,1% a +2,8%)” e, in misura minore, dalla riduzione del calo dei prezzi dei servizi relativi alle comunicazioni (da -2,6% a -1,3%). L’inflazione “di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, è stabile a +0,7%, quella al netto dei soli beni energetici passa da +0,7% a +0,9%. L’inflazione acquisita per il 2020 è pari a +0,1% per l’indice generale, a +0,6% per la componente di fondo, conclude l’Istat.

Per guanti e mascherine rincari eccessivi

Ma al di là del dato dell’inflazione generale, fanno molto discutere gli incrementi di prezzo che si registrano su alcuni singoli beni come guanti, mascherine e gel disinfettante. Prezzi che riflettono da un lato la difficoltà ad approvvigionarsi sul mercato all’ingrosso, dall’altro qualche tentativo di speculazione approfittando dell’emergenza Covid-19. Una confezione di guanti monouso, che prima della pandemia costava mediamente dai 3,00 ai 3,90 euro, si trova ora in farmacia mediamente a 7,90 euro mentre online si va dai 14,99 ai 29,99 euro.

Gel igienizzante alle stelle a inizio epidemia

Le mascherine chirurgiche, il cui prezzo tra mille polemiche è appena stato “calmierato” (da lunedì prossimo) a 0,50 euro ciascuna dal commissario straordinario Domico Arcuri, sono passate, come ricordato dallo stesso Arcuri, da 8 centesimi l’una ante-pandemia a 1,2-2,4 euro, con punte di 5 euro l’una. Il gel disinfettante, normalmente in vendita attorno ai 3 euro a confezione, ad inizio emergenza (fine febbraio) a chi riusciva a trovarlo online è arrivato a costare tra i 15 e i 22 euro a confezione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X