Tripadvisor: licenziamenti e cassa integrazione in massa

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Maggio 2020 | 10:46

Lockdown, chi ha tardato ora piange

C’era una volta la sharing economy, poi è arrivata l’emergenza coronavirus e i conseguenti “lockdown” e chi ha tardato ad attuarli, come Gran Bretagna e Stati Uniti, paga adesso il costo più alto in termini di vittime, rispettivamente con 29.501 e con 71.078 decessi da Covid-19 a ieri (l’Italia, prima ad essere colpita, è il terzo paese per numero di vittime con 29.315 casi accertati). I lockdown hanno però un risvolto della medaglia quasi altrettanto costoso, quello economico.

Sharing economy a rischio con distanziamento sociale

Nel caso della sharing economy l’impatto è ancora più pesante e rischia di essere più duraturo, dovendosi mantenere misure di distanziamento sociale anche nei prossimi mesi per evitare nuovi picchi pandemici (in parte inevitabili col riavvio delle attività produttive, come dimostrano i casi di Hong Kong, Singapore e Taiwan). Così non stupisce che anche Tripadvisor, da anni il principale gruppo di recensioni “dal basso” di attività e località turistiche, abbia preso la scure e iniziato a tagliare i dipendenti.

Tripadvisor annuncia licenziamenti e cassa integrazione

Finora sono stati licenziati oltre 900 dipendenti, pari a circa un quarto della forza lavoro complessiva. Tagli, come ha sottolineato una nota della società che ha il suo quartier generale a Needham (Massachusetts), “direttamente legati” all’impatto del coronavirus sul settore turistico. Per le due sedi di Boston e San Francisco è inoltre scattata la chiusura definitiva. Per due terzi,ha precisato il gruppo, i licenziamenti riguarderanno Stati Uniti e Canada, per un terzo le altre sedi mondiali.

TheFork prova a supportare i ristoranti europei

Tripadvisor, ha poi aggiunto il co-founder e Ceo Steve Kaufen, farà anche ricorso alla cassa integrazione per un certo numero di dipendenti propri e della controllata Viator, dopo avervi già fatto ricorso per centinaia di dipendenti di TheFork (prenotazioni online, a sconto, di ristoranti) in Europa. Proprio TheFork nel vecchio continente sta portando avanti una campagna di dining bond in Spagna, Francia, Svizzera, Belgio e ora anche in Italia, intitolata “Salviamo i ristoranti”. In sostanza a chi acquista un voucher prepagato non vengono applicate commissioni. Un modo per cercare di far ripartire il canale horeca e tutelare il futuro anche di TheFork e Tripadvisor: basterà?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X