Trasporto aereo: 2020 da incubo, 2021 anche peggio?

A
A
A
di Luca Spoldi 10 Giugno 2020 | 09:29

Trasporto aereo, il 2020 sarà orribile

Per le compagnie aeree il 2020 sarà ricordato come l’anno peggiore di tutta la storia. L’ultima stima della Iata parla di 84 miliardi di dollari cumulate di perdita come probabile risultato a fine anno per il settore, che vedrà crollare da 838 a 419 miliardi di dollari i ricavi a causa delle limitazioni imposte per via dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus.

Compagnie perderanno 38 dollari per passeggero

In media, ogni giorno sta aggiungendo altri 320 milioni di dollari di perdite ha spiegato l’associazione mondiale delle aziende di trasporto aereo e a fine anno risulterà che per ogni passeggero trasportato (dovrebbero essere non più di 2,25 miliardi quest’anno), le compagnie hanno perso in media 38 dollari. Se il 2020 sarà da dimenticare, non è detto che il 2021 debba essere migliore, anzi.

Nel 2021 potrebbe andare anche peggio

Sempre la Iata ha avvertito che le perdite nel 2021 potrebbero salire a 100 miliardi di dollari complessivi visto che le compagnie probabilmente cercheranno di recuperare aumentando le proprie quote di mercato a colpi di tariffe scontate, così facendo ulteriormente accentuando la pressione concorrenziale anche se i ricavi dovrebbero iniziare a risalire a 598 miliardi di dollari, con 3,38 miliardi di passeggeri trasportati attesi, livello ancora di un 25% circa inferiore a quello del 2019.

Governi si muovono in ordine sparso tra polemiche

Nel frattempo le polemiche sono destinate a proseguire, per l’incessante azione dei governi che cercano da un lato di tutelare le proprie compagnia, come nel caso della Francia con Air France-Klm e della Germania con Lufthansa, dall’altro paiono tentati da approcci protezionistici come in Italia, dove per aiutare surrettiziamente Alitalia le low cost rischiano di essere fortemente penalizzate, quando non intervengono con continui stop and go come in Inghilterra, dove la tardiva introduzione di un obbligo di quarantena di 14 giorni per tutti coloro che arrivano nel paese anche per via aerea ha aumentato il rischio di perdita di quote di mercato a vantaggio di altri paesi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Compagnie aeree, il Covid-19 ha cambiato le prospettive

Aiuti miliardari ad Air France e Lufthansa, che fine farà Alitalia?

Certificati, da Banca Imi otto nuovi bonus cap su azioni italiane ed estere

NEWSLETTER
Iscriviti
X