Via al colosso Banco Bpm: il terzo gruppo bancario italiano

A
A
A
di Redazione 2 Gennaio 2017 | 13:23

Si è tenuta ieri primo gennaio la prima riunione del consiglio di amministrazione di Banco Bpm. Si tratta del primo atto ufficiale della banca sorta dalla fusione di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, che ne sancisce la nascita.

Nel suo primo giorno di quotazione a Piazza Affari, il titolo Banco Bpm è uno degli assoluti protagonisti di giornata, con un rialzo di oltre 6 punti percentuali che ne fa il migliore tra i componenti dell’indice FTSE Mib.

Sotto la presidenza di Carlo Fratta Pasini, il cda ha nominato i due vicepresidenti Guido Castellotti e Maurizio Comoli; l’a.d., Giuseppe Castagna, il direttore generale, Maurizio Faroni, e i due condirettori generali, Domenico De Angelis e Salvatore Poloni.

Nella medesima seduta, il cda, per dare immediato avvio all’operatività di Banco Bpm, ha provveduto a disciplinare i profili organizzativi e regolamentari dell’intero gruppo e delle sue componenti (attribuendo altresi i principali incarichi interni alla Banca) nonché ad approvare le principali normative aziendali interne volte a regolare, tra gli altri, l’assetto organizzativo, la governance, i controlli, l’esercizio e la gestione del credito, la rappresentanza legale e la firma sociale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, nasce un gigante italiano

Banco Bpm: in tre giorni di Borsa, passato il 10% del capitale

Matrimonio Banco Popolare – Bpm, l’ultimo ostacolo è la Consulta

NEWSLETTER
Iscriviti
X