Royal Bank of Scotland paga una multa da 1,1 miliardi di dollari

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Settembre 2016 | 11:15

RBS TRANSA CON NCUA – Royal Bank of Scotland Group ha accettato di pagare 1,1 miliardi di dollari per chiudere un’inchiesta della National Credit Union Administration (Ncua) legata alla vendita fraudolenta di titoli legati a mutui subprime prima dello scoppio della crisi del 2008 a risparmiatori statunitensi.

PROSEGUONO ALTRE CAUSE APERTE NEGLI USA – Una nota del gruppo scozzese spiega che la cifra servirà chiudere le cause civili avviate nel 2011 in California e in Kansas e che è già “sostanzialmente coperto dalle riserve esistenti” e non dovrebbe pertanto avere alcun “impatto materiale” sul bilancio. Royal Bank of Scotland non ha dovuto ammettere alcuna colpevolezza in questo o precedenti accordi, ma prosegue il confronto con il Dipartimento di Giustizia e la Federal Housing Finance Agency per vicende analoghe e dovrà dunque accumulare ulteriori riserve.

NCUA: ABBIAMO GIA’ RECUPERATO 4 MILIARDI DI DOLLARI – Da parte sua la Ncua ha fatto sapere di aver già recuperato 4 miliardi di dollari attraverso accordi simili e che continuerà a perseguire la missione di proteggere il sistema delle unioni di credito statunitensi e a favorire il recupero di fondi persi durante la crisi finanziaria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il wm sostiene i conti di Rbs

RBS sceglie LivePerson per migliorare il servizio clienti con gli “hybrid bots”

Rbs perde 6,5 miliardi di sterline, ma il titolo vola in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X