Il pesce guizza via dalle tavole degli italiani

A
A
A
di Redazione 10 Febbraio 2014 | 08:44

Resistono trota e baccalà, in aumento del 16%. In calo, invece, tutto il mercato del fresco

LA CRISI DEL PESCE – Il pesce scompare dalle tavole degli italiani. Secondo Coldiretti Impresa-Pesca nel corso del 2013 i consumi di pesce fresco hanno registrato un calo del 20% in valore, con riduzioni considerevoli per alici (20%), spigole (-19%), calamari (-17%), cozze (-15%) e naselli (-12%). Calo di acquisti che riguarda sia il pesce fresco che quello surgelato, dove il calo delle vendite in valore è stato dell'8%. A salvarsi sono così solo la trota e il baccalà, in aumento del 16%. Una crisi prolungata che fa sentire i suoi effetti anche sull’economia del settore: negli ultimi 30 anni la nostra flotta ha già visto svanire il 35% dei pescherecci e 18.000 posti di lavoro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Malpensa stellata

Scandalo in cucina, bagarre sui social, il New York Times…

Ecco chi sono i cuochi più ricchi del mondo

NEWSLETTER
Iscriviti
X