LinkedIn: i manager lo usano ma sono scettici

A
A
A
di Redazione 13 Giugno 2013 | 13:19

Più di 8 manager su 10 mettono in dubbio l’affidabilità dei profili sul social network professionale, eppure avere un profilo aggiornato è ormai un must. La ricerca Robert Half

POCO ATTENDIBILE – E se LinkedIn non fosse del tutto affidabile? Secondo uno studio condotto da Robert Half, società di recruitment specializzato, su un campione di 100 cfo italiani, la maggior parte dei manager sono scettici in merito. Più di 8 su 10 infatti, circa l’83% degli intervistati, ritiene che le informazioni contenute nei profili di LinkedIn non siano accurate o attendibili

SCARSA FIDUCIA – Secondo i dati che emergono dalla ricerca sei intervistati su dieci (61%) si appellano alla mancanza di un sistema che permetta di verificarne le informazioni. Invece, il 23% del campione vede nella possibilità di esagerare le proprie competenze il motivo per cui dubitare dell’accuratezza dei contenuti, seguito dal 12% che invoca il relativo anonimato dei social media e il 4% la mancanza di regolari aggiornamenti dei profili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, quando l’etf diventa virale

Intelligenza artificiale, il ruolo fondamentale di media e politica antitrust

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

NEWSLETTER
Iscriviti
X