Jp Morgan, Dimon sotto pressione sulla separazione delle cariche di presidente e ceo

A
A
A
di Redazione 20 Maggio 2013 | 09:08

Secondo alcune indiscrezioni, l’istituto avrebbe spedito una lettera agli investitori per chiedere il loro voto contro la mozione di separazione, avanzata a seguito dello scandalo sui derivati legato alla cosiddetta “Balena di Londra”


DOMANI L’ASSEMBLEA – Si terrà domani l’assemblea annuale dei soci di Jp Morgan, chiamata a decidere tra le altre cose sull’eventuale separazione delle due cariche di amministratore delegato e presidente, attualmente entrambe in capo a Jamie Dimon. Secondo alcune indiscrezioni, l’istituto avrebbe spedito una lettera agli investitori per chiedere il loro voto contro la mozione di separazione, avanzata a seguito dello scandalo sui derivati legato alla cosiddetta “Balena di Londra” che ha travolto la banca americana nei mesi scorsi.

LA MOZIONE – In particolare il sindacato dei lavoratori pubblici Afscme (American Federation of State, County and Municipal Employees), il New York City Comptroller's Office e altri fund manager chiederanno agli azionisti di approvare la proposta in cui si chiede a Jp Morgan di dividere i ruoli di ceo e presidente, affidando quest’ultimo a un soggetto esterno alla banca, migliorando così il controllo su Dimon e su altri top executive del gruppo.

ALLA RICERCA DI UN COMPROMESSO – Jp Morgan da parte sua avrebbe anche aperto canali di comunicazione informali con gli oppositori: secondo quanto riporta il Wall Street Journal, il gruppo avrebbe incaricato William Daley, ex funzionario dell'istituto e capo di staff del presidente Usa Barack Obama, di contattare l’ Afscme per sondare la possibilità di trovare un compromesso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti