Risparmio e investimenti: ecco tutte le differenze tra uomini e donne

A
A
A
di Redazione 14 Maggio 2013 | 08:10

Secondo alcune ricerche , le donne statisticamente spendono più soldi degli uomini senza grandi motivazioni, ma nel mondo degli investimenti sono più serie, equilibrate e misurate


UOMINI E DONNE – Le differenze tra uomini e donne ci sono anche nel mondo della finanza. Un articolo di Yahoo! Finanza riassume alcune ricerche che evidenziano il diverso atteggiamento per quanto riguarda il risparmio e l’investimento. Secondo una ricerca di Vanguard, infatti, le donne statisticamente spendono più soldi degli uomini senza grandi motivazioni, ma nel mondo degli investimenti sono più serie, equilibrate e misurate. Gli uomini, invece, ricercano in genere rendimenti più alti, sono più avventurosi, intrepidi e curiosi e tendono a sovrastimare le proprie capacità.

LA PRUDENZA E’ DONNA – Risultati confermati anche Boston Consulting Group, una multinazionale che fornisce consulenza strategica di business: le donne sono più prudenti, lungimiranti, accurate nella comprensione del loro profilo di rischio e precise nel fissare i loro obiettivi finanziari.

RAZIONALITA’ – L’articolo riporta anche l’esempio di Advise Only, il portale di consulenza finanziaria, che ha analizzato i portafogli degli utenti. Ebbene le donne presentano maggiore diversificazione in termini di classi di investimento, sono composti prevalentemente di investimenti obbligazionari e monetari, più sicuri, e di commodities, tra cui l’oro. Pochissime azioni e men che meno italiane.

UOMINI PIU’ RISCHIOSI – Le donne tendono soprattutto ad investimenti più duraturi, meno rischiosi e sentono meno degli uomini il desiderio di accumulare il denaro, se non per la pensione o per acquistare la casa. Un diverso atteggiamento probabilmente riconducibile alla natura psicologica di entrambi: se la donna esprime paura e avversione alla minaccia, l’uomo prova una rabbia che conduce alla sfida, e quindi all’assunzione del rischio.

LE COMPETENZE – Solo un fattore gioca a favore degli uomini: la maggiore competenza sulle nozioni finanziarie e le logiche di funzionamento dei mercati. Tanto che l’Ocse, conclude l’articolo, ha in programma interventi mirati a rispondere alla scarsa alfabetizzazione finanziaria femminile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti