È morto Giulio Andreotti, il “Divo” aveva 94 anni

A
A
A
di Redazione 6 Maggio 2013 | 13:49

Il sette volte presidente del Consiglio si è spento nella sua abitazione romana in corso Vittorio Emanuele, alle 12.25. Non ci saranno funerali di Stato né camera ardente


LA MORTE Giulio Andreotti è morto nella sua abitazione romana in corso Vittorio Emanuele, alle 12.25. Lo hanno reso noto i suoi familiari. Aveva compiuto 94 anni il 14 gennaio scorso. L'ex senatore a vita era stato ricoverato il 3 maggio dell'anno scorso al Policlinico Gemelli di Roma per una crisi respiratoria. Da allora, dimesso dall'ospedale, le sue condizioni erano migliorate ma non si era mai ripreso completamente.

LA CARRIERA – Andreotti è stato sette volte presidente del Consiglio, otto ministro della Difesa, cinque ministro degli Esteri, due ministro delle Finanze, ministro del Bilancio e ministro dell'Industria, una volta ministro del Tesoro e ministro dell'Interno. Ha visto sette pontificati, 12 presidenti degli Stati Uniti, sette leader sovietici da Stalin a Gorbaciov.

LE REAZIONI DELLA POLITICA – I funerali si svolgeranno, a quanto si apprende, domani pomeriggio a Roma. “Non ci saranno funerali di Stato né camera ardente. Le esequie saranno celebrate nella sua parrocchia con gli stretti familiari”, ha fatto sapere all'Adnkronos Patrizia Chilelli, storica segretaria del presidente, al suo fianco dal 1989. Tanti politici, amici e personaggi pubblici hanno pronunciato parole di cordoglio: l’Ansa ne riassume alcune in questo articolo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X