Forbes: ecco i ceo miliardari più pagati negli Stati Uniti

A
A
A
di Cristina Cavenaghi 18 Aprile 2013 | 07:41

Da Richard Kinder a Daniel S. Och. Le cifre da capogiro che ogni anno i top manager ai vertici delle aziende intascano è anche merito dei guadagni azionari derivanti dai titoli societari


AZIONI MILIONARIE – Qual è il compenso annuale del ceo miliardario più pagato degli Stati Uniti? Solo un dollaro. È questo lo stipendio incassato ogni anno da Richard Kinder da quando nel 1997 ha fondato la società energetica Kiner Morgan insieme a William Morgan. Il dirigente 68enne non ha mai ricevuto nemmeno bonus, o stock options. Allora come ha fatto, alla fine del 2012, a intascare 1,1 miliardi di dollari? La cifra da capogiro, spiega Forbes, rappresenta guadagni azionari derivanti da titoli che Kinder ha ricevuto attraverso il processo di privatizzazione della società, annunciato nel 2006. Il manager ha ricevuto queste azioni direttamente dagli investitori nella transazione, senza alcun costo per gli enti pubblici, i titolari delle quote, o la società.

STIPENDIO SIMOBLICO – Se il guadagno miliardario di Kinder è a dir poco insolito comunque, evidenzia Forbes, non è invece affatto raro che un ceo miliardario decida di attribuirsi uno stipendio annuale simbolico di un dollaro: lo hanno fatto Meg Whitman di Hewlett Packard, Larry Page di Google, o Larry Ellison di Oracle. Molti di loro infatti guadagnano principalmente dall’esercizio di stock options o dal conferimento di azioni. Di seguito riproponiamo un estratto della classifica stilata da Forbes che, partendo dalla sua lista dei miliardari del pianeta, ha elencato i ceo miliardari più pagati degli Usa.

Richard Kinder
Compenso: 1,1 miliardi di dollari
Patrimonio: 9,8 miliardi di dollari
Società: Kinder Morgan
Il ceo di Kinder Morgan ha ridotto come detto il suo salario alla cifra simbolica di un dollaro,  ma ha chiuso l’anno con un incasso miliardario – che lo ha reso il ceo più pagato degli Usa per il 2012 –  grazie ai guadagni azionari realizzati tramite la privatizzazione della sua società.

Daniel S. Och
Compenso: 289 milioni di dollari
Patrimonio: 2,9 miliardi di dollari
Società: Och-Ziff
Il ceo di Och-Ziff, hedge fund globale e compagnia di alternative asset management, ha ricevuto 288 milioni di euro in azioni, che hanno costituito sostanzialmente tutta la sua retribuzione per l’esercizio 2012.  

Howard Schultz
Compenso: 118 milioni di dollari
Patrimonio: 1,7 miliardi di dollari
Società: Starbucks
Howard Schultz, presidente e ceo di Starbucks, ha ricevuto l’anno scorso uno stipendio di 1,5 milioni di dollari e 2,3 milioni di bonus. Ma il grosso della sua retribuzione arriva dall’esercizio di stock options per un valore di 103 milioni di dollari. Completano il quadro circa 10 milioni di euro in azioni conferite.  

Leslie Wexner
Compenso: 58 milioni di dollari
Patrimonio: 4,6 miliardi di dollari
Società: L Brands
Il numero uno di L Brands (prima conosciuto come Limited Brands), fashion retailer con sede in Ohio, ha ricevuto un salario di 1,9 milioni di dollari nel 2012 e un bonus di 4,9 milioni. A tutto questo si aggiungono 32 milioni derivanti da stock options e 18,7 milioni di dollari in azioni.

Ralph Lauren
Compenso: 39 milioni di dollari
Patrimonio: 6,9 miliardi di dollari
Società: Ralph Lauren
Il presidente e ceo di Ralph Lauren ha versato a se stesso nel 2012 un salario di 1,2 milioni di dollari, a cui si sono aggiunti 19,5 milioni di dollari di bonus. Inoltre, il miliardario ha esercitato nel 2012 stock options per un valore di 5,2 milioni di dollari e ha ricevuto 12,4 milioni di dollari in azioni.

Lawrence J. Ellison
Compenso: 36 milioni di dollari
Patrimonio: 40 miliardi di dollari
Società: Oracle
Lawrence J. Ellison, co-fondatore e ceo del colosso californiano Oracle, ha stabilito per se stesso uno stipendio simbolico di un dollaro l’anno scorso. Ma ha comunque portato a casa 3,9 milioni di dollari di bonus e 31,7 milioni di dollari derivanti dall’esercizio di stock options.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti