Il lavoro migliore del mondo: 80mila euro in sei mesi

A
A
A
di Redazione 10 Aprile 2013 | 10:51

Lo rivela il concorso “Best job in the world”, promosso dal Tourism Australia su Repubblica.it


LA FUGA DI CERVELLI – Considerati i tempi di crisi e a fronte della forte disoccupazione, la fuga dall'Italia registra il boom, ed è un boom soprattutto giovanile, alla ricerca di una vita lavorativa e professionale migliore e di giuste retribuzioni. Dai dati dell'Aire – l'Anagrafe della popolazione italiana residente all'estero, emerge che "l'emigrazione italiana, che nel 2012 ha registrato un boom del 30,1%, ha fatto sì che gli italiani complessivamente residenti all'estero al 31 dicembre 2012 ammontassero a 4.341.156 tra uomini e donne, dai 20 ai 40 anni". Soprattutto in Lombardia. "Nel 2012, ben 13.156 lombardi hanno trasferito la propria residenza all'estero. E i Paesi più gettonati sono la Germania, che è la prima meta di destinazione (10.520 italiani l'hanno scelta), seguita da Svizzera (8.906), Gran Bretagna (7.520), Francia (7.024), Argentina (6.404), Usa (5.210), Brasile (4.506), Spagna (3.748), Belgio (2.317) e Australia (1.683)".

IL MIGLIOR LAVORO DEL MONDO – L'Australia, attraverso l'ente del turismo, già dal 2009 aveva offerto un lavoro come guardiano lungo la barriera corallina, alla quale poi risposero 34mila persone da 200 nazioni, e ora ha indetto un concorso per la ricerca di varie e insolite offerte di lavoro per noi potenziali emigranti italici. Nel dettaglio, le figure richieste riguardano "un guardiano per un parco naturale, un custode di un'isola di canguri, un esploratore dell'entroterra, un fotografo trendy per Melbourne, uno specialista del divertimento e un maestro del gusto".

COME VINCERE – Il concorso è l'occasione ideale per chi desiderasse guadagnare tanto in poco tempo e fare un'esperienza formativa e professionale e prevede sei vincitori, con un contratto di sei mesi e uno stipendio di 80mila euro. Tutto reso possibile dall'iniziativa del Paese per promuovere il turismo e attrarre vacanzieri ed emigrati italiani: si tratta del Working Holiday Maker, un programma di "vacanze di lavoro" che fornisce uno speciale visto valido 12 mesi per giovani fra i 18 e i 30 anni che desiderano soggiornare in Australia facendo lavori occasionali o temporanei, magari con la possibilità poi di tornarci in ferie o per farne la propria residenza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X