La rete dell’evasione: una megainchiesta firmata Le Monde e L’Espresso

A
A
A
di Redazione 4 Aprile 2013 | 13:13

Il settimanale italiano presenta le storie di chi ha un ruolo in società offshore create nei paradisi fiscali delle Cook Islands e delle British Virgin Islands


UN'INCHIESTA MONDIALE – Un'inchiesta giornalistica internazionale sui conti esteri di politici e personalità in vista in tutto il mondo. Un vero e proprio club globale degli evasori che nascondono i loro soldi in paradisi fiscali come le isole Cayman. Ne parla il Corriere.it, precisando che del gruppo farebbero parte anche 200 italiani. La documentazione, della quale si parla come "il più duro attacco al buco nero dell'economia mondiale", è composta da migliaia di file raccolti in poco più di un anno da un team internazionale di giornalisti.

DALL'ITALIA ALL'ESTERO – Ne fa parte Le Monde, che pubblica giovedì la prima tesserà dello scandalo rivelando – come riporta il Corriere.it – che Jean-Marc Augier, uomo d'affari nel mondo dell'editoria e tesoriere del presidente francese Francois Hollande durante la campagna elettorale dell'anno scorso, è azionista di due società offshore alle isole Cayman. Per l'Italia, L'Espresso pubblica in esclusiva l'inchiesta realizzata dal media network di Washington. Il settimanale, nel numero in edicola venerdì, presenta le prime quattro storie di italiani che hanno un ruolo in due colossali conglomerati di società offshore creati nei paradisi fiscali delle Cook Islands e delle British Virgin Islands. La prima, sintetizza sempre il Corriere.it, riguarda Gaetano Terrin, all'epoca commercialista dello studio Tremonti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X