Crif: ai rumeni il record della domanda di credito tra i cittadini stranieri

A
A
A
di Redazione 29 Marzo 2013 | 14:47

È quanto emerge da un recente rapporto realizzato da Crif sulla base delle richieste di credito rilevate l’anno scorso sul proprio sistema di informazioni creditizie. Secondo posto invece per i cittadini albanesi


RUMENI PRIMI – Tra i cittadini stranieri residenti in Italia sono i rumeni a detenere il record della domanda di credito per il 2012. Questo è quanto emerge da un recente rapporto realizzato da Crif sulla base delle richieste di credito rilevate l’anno scorso sul proprio sistema di informazioni creditizie. In particolare nel corso del 2012, “oltre un quinto del numero totale di richieste di finanziamento effettuate da cittadini non italiani è stato inoltrato da rumeni (oltre mezzo milione di domande, pari al 22% del totale)”, si legge nel rapporto, anche se l’importo medio richiesto risulta piuttiosto basso: 8.682 euro.

LA CLASSIFICA – Secondo posto invece per i cittadini albanesi, da cui proviene il 6,1% delle richieste, mentre a chiudere il podio sono i marocchini (con il 5,7%). Seguono le richieste da parte di filippini, tedeschi e svizzeri (tutti con una quota vicina al 4%). Nonostante la nutrita comunità cinese presente in Italia – oltre 200mila residenti ufficiali – il Paese del Dragone si colloca invece solamente al 27° posto nella classifica della domanda di credito complessiva da parte di cittadini non italiani: le famiglie cinesi infatti, evidenzia Crif, tendono a ricorrere a forme alternative di finanziamento, rivolgendosi prevalentemente all’interno della propria comunità o cerchia famigliare.

L’IMPORTO MEDIO – Quanto invece all’importo medio dei finanziamenti richiesti, il record spetta agli olandesi con 58.387 euro, seguiti dagli spagnoli, che hanno fatto segnare una media pari a 37.854 euro e dagli austriaci, con 36.138 euro. “Nel complesso, l’aumento della presenza di cittadini stranieri stabilmente residenti nel nostro Paese fa sì che, parallelamente, si sia consolidata l’esigenza di accedere alle diverse forme di credito bancario”, ha commentato Simone Capecchi, direttore sales & marketing di Crif. “D’altro canto, la domanda di credito rappresenta uno dei driver principali per l’integrazione sociale ed economica di cittadini provenienti da altri Paesi, che hanno scelto l’Italia per un progetto di vita e di radicamento sul territorio pur con tutte le sue incertezze”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X