Miami spende 400 milioni di dollari per avere il Superbowl

A
A
A
di Alessandro Rossi 20 Gennaio 2013 | 10:14

Lo stadio della città della Florida avrà la copertura per puntare al cinquantesimo Superbowl. I concorrenti sono Boston e Philadelphia, ma in Florida sono stati pianificati degli investimenti importanti


L'ATTESA DELLA FINALE NFL – Negli Stati uniti si pensa soltanto alla prossima finale del campionato di football americano, che si giocherà a New Orleans il 5 febbraio. Nelle città che non hanno la propria squadra in corsa per la grande finale in grado di fermare l'America, si pensa al futuro. In particolare i Miami Dolphins stanno facendo di tutto per riuscire ad ospitare il Superbowl numero 50, che si giocherà nel 2017. I concorrenti sono Boston e Philadelphia, ma in Florida sono stati pianificati degli investimenti importanti per cercare di ospitare l'evento.

SUPERBOWL A MIAMI – Il Sun Life Stadium, l'impianto polifunzionale della città ma principalmente la casa dei Miami Dolphins, sarà presto ristrutturato per un investimento di 400 milioni di dollari. In particolar modo, sarà costruita una copertura dei posti a sedere e sarà aumentata la capienza di circa 5mila spettatori. Lo stadio già vanta il tabellone a led più grande mai installato in uno stadio, la più vasta rete di copertura Wi-Fi e Pos in America in un impianto sportivo e il maggior numero di Superbowl e finali di college football che in ogni altra città statunitense.

PROGETTO APPROVATO – La forza di questi numeri sta nel clima della Florida, molto favorevole specialmente per finali che si giocano in inverno. Il precedente del Superbowl del 2008, il primo della storia giocato sotto una pioggia battente, ha portato l'azionista di maggioranza dei Miami Dolphins Stephen Ross, che detiene il 95% delle azioni, a presentare al governo della Florida il progetto della copertura che è stato approvato all'unanimità. Non solo, nel piano di ristrutturazione i cittadini non pagheranno ulteriori tasse, punto politicamente principale per ogni costruzione pubblica che in America viene realizzata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X