Passato il Natale, parte il riciclo dei regali non graditi

A
A
A
di Redazione 27 Dicembre 2012 | 09:55

Secondo un’analisi Coldiretti/Swg, il fenomeno riguarda più di un italiano su tre (36%), ed è diffuso soprattutto tra i giovani.


VIA AL RICICLO – Archiviato il giro dei pranzi di Natale, parte il riciclo dei regali non graditi. Secondo un’analisi Coldiretti/Swg, il fenomeno riguarda più di un italiano su tre (36%), +3% rispetto all’anno scorso, ed è diffuso soprattutto tra i giovani. Nell’82% dei casi il riciclo avviene a favore di parenti e amici che possono apprezzare l'oggetto ricevuto in dono, segnala ancora Coldiretti, mentre il 18% circa devolve il regalo indesiderato in beneficenza.

A RISCHIO ABBIGLIAMENTO E PRODOTTI PER LA CASA – Ma quali sono i doni più “riciclati”? Secondo l’indagine si tratta soprattutto di capi di abbigliamento, prodotti per la casa o tecnologici, tutti oggetti molto gettonati tra gli acquisti di Natale.

RESISTE L’ENOGASTRONIOMIA – Mentre i prodotti dell’enogastronomia locale solitamente non passano di mano.  Ma esiste anche uno “zoccolo duro di italiani (51%) che dichiara di non aver mai riciclato i regali e che mai lo farà”, conclude Coldiretti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti