Trovare lavoro su LinkedIn. Ecco le parole più cercate

A
A
A
di Redazione 17 Dicembre 2012 | 10:54

I professionisti italiani sul social media dedicato al mondo del lavoro si definiscono “responsabili” e “specializzati”. In tempi di crisi vince l’affidabilità contro la creatività
 

TROVARE LAVORO SU LINKEDIN – Per trovare lavoro in tempi di crisi? Bisogna essere “responsabili e “specializzati”. È così che si descrivono gli italiani su LinkedIn, il social media dedicato al mondo del lavoro che conta 187 milioni di iscitti nel mondo. Usato sempre di più come cerca-lavoro e anche dalle agenzia di recruiting per scovare il candidato idela, su LinkedIn si scopre infatti che l’affidabilità vince sulla creatività: scalano infatti la classifica 2012 delle espressioni piu' ricorrenti nei profili Linkedin i termini "responsabile", al primo posto, seguito da: “specializzato”, “capacità organizzative” e “problem solving”, che invece lo scorso anno era in cima all'elenco.

ESPRESSIONI RASSICURANTI – Parole come “creativo” e “innovativo” perdono posizioni rispetto a due anni quando erano in cima alle classifiche su LinkedIn. “La crescita esponenziale dell'uso di espressioni che tendono a rassicurare”, ha spiegato in una nota Marcello Albergoni, senior sale manager LinkedIn Italia, “sono l'inevitabile specchio di quella che è la situazione economica attuale”.

E ALL’ESTERO? – Diversa, in parte, la classifica dei termini più usati nei profili degli utenti stranieri. Spagna e Francia usano termini simili all’Italia, mentre sono “creativi” australiani, canadesi, tedeschi, olandesi, neozelandesi, svedesi, statunitensi e i cittadini di Singapore. In Regno Unito Malesia, Arabia Saudita, Sudafrica, Emirati Arabi Uniti “motivato” va per la maggiore, mentre i brasiliani si definiscono “sperimentali”, gli svizzeri “analitici” e gli indiani “efficaci”. La parola “multinazionale”, in Italia al sesto posto, sale al top della classifica per egiziani e indonesiani.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, quando l’etf diventa virale

Intelligenza artificiale, il ruolo fondamentale di media e politica antitrust

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

NEWSLETTER
Iscriviti
X