Trovare lavoro su LinkedIn. Ecco le parole più cercate

A
A
A
di Redazione 17 Dicembre 2012 | 10:54

I professionisti italiani sul social media dedicato al mondo del lavoro si definiscono “responsabili” e “specializzati”. In tempi di crisi vince l’affidabilità contro la creatività
 


TROVARE LAVORO SU LINKEDIN – Per trovare lavoro in tempi di crisi? Bisogna essere “responsabili e “specializzati”. È così che si descrivono gli italiani su LinkedIn, il social media dedicato al mondo del lavoro che conta 187 milioni di iscitti nel mondo. Usato sempre di più come cerca-lavoro e anche dalle agenzia di recruiting per scovare il candidato idela, su LinkedIn si scopre infatti che l’affidabilità vince sulla creatività: scalano infatti la classifica 2012 delle espressioni piu' ricorrenti nei profili Linkedin i termini "responsabile", al primo posto, seguito da: “specializzato”, “capacità organizzative” e “problem solving”, che invece lo scorso anno era in cima all'elenco.

ESPRESSIONI RASSICURANTI – Parole come “creativo” e “innovativo” perdono posizioni rispetto a due anni quando erano in cima alle classifiche su LinkedIn. “La crescita esponenziale dell'uso di espressioni che tendono a rassicurare”, ha spiegato in una nota Marcello Albergoni, senior sale manager LinkedIn Italia, “sono l'inevitabile specchio di quella che è la situazione economica attuale”.

E ALL’ESTERO? – Diversa, in parte, la classifica dei termini più usati nei profili degli utenti stranieri. Spagna e Francia usano termini simili all’Italia, mentre sono “creativi” australiani, canadesi, tedeschi, olandesi, neozelandesi, svedesi, statunitensi e i cittadini di Singapore. In Regno Unito Malesia, Arabia Saudita, Sudafrica, Emirati Arabi Uniti “motivato” va per la maggiore, mentre i brasiliani si definiscono “sperimentali”, gli svizzeri “analitici” e gli indiani “efficaci”. La parola “multinazionale”, in Italia al sesto posto, sale al top della classifica per egiziani e indonesiani.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti