Inizio 2013 ancora difficile per l’occupazione

A
A
A
di Redazione 12 Dicembre 2012 | 14:15

Assunzioni con il freno a mano tirato nel primo trimestre del nuovo anno: lo rivela la recentissima indagine del gruppo Manpower.


OCCUPAZIONE DEBOLE – I datori di lavoro italiani prefigurano una tendenza dell’occupazione che nel primo trimestre del 2013 rallenta ulteriormente il passo. È quanto emerge dall’indagine del gruppo Manpower, che ha coinvolto 1.000 datori di lavoro di imprese con sede in Italia. Sulla base delle loro risposte, la previsione sull’occupazione si attesta a quota -11%, raggiungendo il livello più basso di sempre, già toccato nel secondo trimestre del 2010. La previsione si indebolisce di due punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di quattro punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2012.

I PROGETTI DI ASSUNZIONE – Le intenzioni di assunzione dichiarate dai datori di lavoro intervistati tracciano un andamento dell’occupazione che nei primi tre mesi del nuovo anno mantiene segno negativo. Il 6% dei datori di lavoro dichiara un incremento dell'organico (erano il 3% nel trimestre precedente), mentre il numero di chi prospetta una riduzione è pari al 18% (il 14% nei tre mesi precedenti). Il 75% delle aziende intervistate (l'81% nell’ultimo trimestre del 2012) non prevede invece sostanziali variazioni nella composizione del proprio staff nel periodo compreso tra gennaio e marzo 2013.

REGIONE PER REGIONE – Un andamento delle assunzioni con segno negativo è atteso in tutte le quattro macroaree geografiche d’Italia, con i datori di lavoro nel Sud e nelle Isole che riportano i programmi di assunzione più deboli e una previsione a quota -12%, sostanzialmente stabile sia rispetto al trimestre precedente che allo stesso periodo del 2012. I datori di lavoro del Centro Italia, del Nord Est e del Nord Ovest mettono in conto un mercato del lavoro ancora in difficoltà per il trimestre a venire facendo e una previsione pari a -9% in tutte le tre aree.
 
SETTORE PER SETTORE – Tra i dieci settori industriali oggetto dell’indagine, solo i datori di lavoro del comparto Elettricità, Gas e Acqua riportano intenzioni di assunzione stazionarie, anche se la previsione pari allo 0% indica che le opportunità di impiego in generale sono attese in stallo. Dal confronto con il trimestre precedente, le prospettive di assunzione si indeboliscono in sei dei dieci comparti considerati, mentre si rafforzano in tre settori, in particolare in quello Elettricità, Gas e Acqua, dove la previsione migliora di 10 punti percentuali e risulta anche più robusta da un anno all’altro, di 9 punti percentuali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti