Torres, l’87% al procuratore Daniele Piraino

A
A
A
di Redazione 22 Aprile 2016 | 13:04

La cessione della società ha fruttato a Domenico Capitani circa 321 mila euro.

Dopo quasi tre anni e un’incredibile altalena di vicende agonistiche e giudiziarie, Domenico Capitani lascia la Torres.

CAPITANI LASCIA – L’imprenditore e politico di Cisterna di Latina ha ceduto la proprietà del club sassarese di cui è stato presidente sino allo scorso settembre, quando è stato squalificato dagli organi federali per il suo coinvolgimento nell’inchiesta “Dirty soccer” della Procura di Catanzaro, che è costato alla squadra sassarese la retrocessione dalla Legapro alla serie D, dove milita attualmente, e una penalizzazione da scontare nel campionato in corso. La cessione della società – di cui la città, i tifosi e gli addetti ai lavori hanno saputo solo tramite una visura camerale della Camera di Commercio effettuata su iniziativa delle principali associazioni dei supporter sassaresi – ha fruttato a Capitani circa 321 mila euro.

RIPARTIZIONE QUOTE – L’87% delle quote, pari a quasi 280 mila euro, è stato rilevato da Daniele Piraino. Il 7% delle quote, pari a 22 mila euro, è stato acquisito da Emilio Minunzio, coordinatore regionale dell’Asi, un ente di promozione sportiva riconosciuto dal Coni, nato nel 1994 proprio a Latina. Il restante 6% della Torres, il cui valore è di poco superiore ai 19mila euro, appartiene all’imprenditore algherese Massimo Adzovic, che nel Cda è rappresentato da Antonio Carboni, sassarese, agente di commercio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X