Affari d’oro per il fisco con le medaglie degli italiani alle Olimpiadi

A
A
A
di Redazione 23 Agosto 2016 | 08:50

La squadra italiana ha chiuso le Olimpiadi di Rio 2016 con un bilancio positivo. Gli atleti azzurri hanno portato a casa 28 medaglie, le stesse conquistate quattro anni fa a Londra e una in più rispetto ai Giochi Olimpici di Pechino del 2008.

Nella classifica generale l’Italia si conferma nella top ten, classificandosi nona (come a Londra e Pechino). Gli ori sono stati 8 (eguagliato il risultato di Londra e Pechino): due in meno rispetto ad Atene 2004 e cinque in meno rispetto alle trionfali spedizioni di Atlanta 1996 e Sydney 2000.

Le medaglie d’argento sono pari a 12 mentre per 8 volte i nostri atleti sono saliti sul gradino più basso del podio. Ma a quanto ammontano i premi assegnati dal CONI agli azzurri medagliati? E qual è l’importo trattenuto dal fisco? Ecco i conti che ha fatto www.forexinfo.it.

Al prestigio che accompagna la conquista di una medaglia seguiranno i compensi che il CONI, il comitato olimpico italiano, dovrà agli azzurri premiati entro il 31 dicembre 2016: 150mila euro per i vincitori della medaglia, 75mila per l’argento e 50mila per il bronzo, per un totale di 5,4 milioni di euro in premi: oltre la somma spesa a Londra nel 2012.

Le otto medaglie d’oro italiane sono arrivate tutte da sport individuali: in questo caso il comitato olimpico nazionale dovrà sborsare un milione e 200mila euro.

Analogo importo sarà corrisposto agli atleti saliti sul terzo gradino del podio: gli 8 bronzi infatti sono arrivati da 5 singoli, dal 2 senza e dal 4 senza di canottaggio e dai 13 ragazzi della pallanuoto.

Per quanto riguarda i 12 argenti la somma da versare sarà pari a 3 milioni di euro: 7 sport individuali ai quali si aggiungono due coppie (tuffi e beach volley), un quartetto (spada a squadre maschile), le 13 ragazze della pallanuoto e i 12 atleti del volley maschile.

A sorridere però non sono soltanto gli atleti medagliati, ma anche il Fisco italiano, che applicherà sui premi degli azzurri una “victory tax” del 20% su ogni medaglia. Ecco dunque il compenso netto per l’oro scendere a 120mila euro, mentre per argento e bronzo il premio si riduce rispettivamente a 50mila e 40mila euro. La somma incassata dal Fisco grazie a Rio 2016 risulta dunque pari a un milione e 80mila euro.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: argento redivivo. I target e gli Etc a Piazza Affari

Mercati, l’argento brilla più dell’oro. Gli Etc a Piazza Affari

Investimenti, argento sugli scudi in scia alla transizione energetica

NEWSLETTER
Iscriviti
X