Apple, “Designed and Assembled in China”?

A
A
A
di Federico Morgantini 29 Settembre 2016 | 17:35

L’azienda apre il primo centro di ricerca e sviluppo a Pechino

Apple è in calo di vendite in Cina ormai da circa un anno, declino culminato con il meno 26% nel secondo trimestre 2016 sullo stesso periodo 2015.

E ormai ha una quota di mercato inferiore a ben 4 produttori locali, nell’ordine Huawei, Vivo, Oppo e Xiaomi.

È normale che dati simili, nel mercato più grande del mondo per smartphone ed elettronica di consumo, abbiano spaventato il gigante americano che adesso corre ai ripari partendo dalla radice.

Infatti non si limiterà più solo a produrre e “assemblare” in Cina oggetti “Designed by Apple in California”, ma li penserà direttamente da qui a brevissimo, con un centro di ricerca e sviluppo a Pechino.

La scelta è sicuramente strategica, infatti non è certo un inferiore stipendio dei ricercatori che interessa ad Apple, ma la possibilità di fare prodotti sempre più idonei al grande mercato cinese.

Benché non ci sia ancora una dichiarazione ufficiale da parte dell’azienda di Cupertino, la notizia è stata data formalmente dal Zhongguancun Science Park, il parco tecnologico dove sarà locato il Centro nella capitale cinese.

Il Parco ha dato la notizia dapprima sul proprio profilo WeChat [che in Cina è un po’ come dire Twitter e Facebook messi insieme], poi confermata al Beijing Evening News e infine ripresa dal China Daily con vari particolari.

Si tratta di un investimento di ben 100 Mil di Yuan (15 Mill di USD) per un centro che avrà circa 500 dipendenti e il cui investimento complessivo potrà arrivare a 300 Mil di Yuan (45 Mill di USD).

L’unità si concentrerà sullo sviluppo di software e hardware di prodotti per i clienti di Apple in Cina e in tutto il mondo.

Di fatto la notizia conferma i progetti del CEO di Apple Tim Cook che, visitando Pechino nel mese di agosto, promise di aprire il primo centro R&D autonomo in Cina entro la fine dell’anno.

E conferma sempre di più che il futuro del mondo è sempre più a oriente!

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

Dopo Tesla anche Apple è pronta a comprare Bitcoin?

NEWSLETTER
Iscriviti
X