Facebook punta sul social commerce con Marketplace

A
A
A
di Redazione 4 Ottobre 2016 | 10:00

Facebook vuole rafforzare la propria posizione nell’ecommerce e lancia “Marketplace”, un nuovo servizio dedicato alla compravendita di oggetti tra privati. Marketplace consente agli utenti di scovare, comprare e vendere oggetti con le persone che fanno parte della propria comunità locale.

Secondo il social, Marketplace è la naturale evoluzione dei prodotti dedicati al commercio elettronico già presenti sulla piattaforma. Nel blog post che annuncia il lancio, la società di Menlo Park sottolinea che oggi già 450 milioni di persone e oltre visitano gruppi di acquisto su Facebook ogni mese. Nei prossimi giorni, Marketplace sarà aperto a tutti coloro che hanno più di 18 anni in 4 Paesi, Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda sull’applicazione di Facebook per iPhone e Android. Nei prossimi mesi il servizio sarà quindi esteso ad altri Paesi, ed è prevista una versione per desktop.

Come funziona? Per gli utenti è piuttosto semplice. Per mettere un prodotto in vendita, basta scattargli una foto, caricarla e impostare nome, categoria e prezzo. Mentre a chi entrerà in Marketplace l’app suggerirà automaticamente una serie di oggetti immessi sul mercatino nelle vicinanze, a cui potrebbe essere interessato. Un aspetto che potrebbe spaventare i grandi player dell’ecommerce è l’assenza di fee richiesti dalla piattaforma per vendere gli oggetti: Facebook, infatti, non chiederà il pagamento di nessuna percentuale per ogni prodotto venduto. Il social si accontenta, per così dire, della maggiore attività che ci sarà all’interno dell’app grazie al mercatino, e quindi della maggiore quantità di pubblicità che si potrà veicolare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, Facebook: recupero possibile dopo lo scivolone

Criptovalute: Diem, la nuova moneta di Facebook, pronta al lancio negli Usa

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

NEWSLETTER
Iscriviti
X